Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Pdl, Pid e FdS annunciano la sfiducia a Lombardo
di Raffaella Pessina

Lo ha confermato Leontini al termine di una riunione dell’opposizione. La seduta a Sala d’Ercole rinviata a domani pomeriggio

Tags: Ars, Pdl, Pd, Fds, Raffaele Lombardo, Innocenzo Leontini, Rudi Maira, Gianfranco Miccichè



PALERMO - Riprende la settimana parlamentare e i partiti dell’opposizione Pdl, Pid e Forza del Sud hanno annunciato che presenteranno una mozione di sfiducia al governatore della Sicilia Raffaele Lombardo. Lo ha confermato il capogruppo del Pdl all’Assemblea regionale, Innocenzo Leontini, a conclusione di una riunione dei gruppi d’opposizione di ieri a Palazzo dei Normanni. La minoranza sta concordando il testo della mozione; Pdl-Pid e Fds chiederanno nella prossima riunione della conferenza dei capi-gruppo “l’immediata calendarizzazione della mozione.

Rudi Maira, capogruppo del Pid ha detto che “Davanti ad una situazione politica come quella in atto alla Regione, con un governo che non rispecchia da tempo la volontà popolare, ed una maggioranza sostenuta da partiti che appaiono essi stessi fratturati in modo verticale, l’opposizione ha solo uno strumento squisitamente politico da utilizzare: la mozione di sfiducia al presidente Raffaele Lombardo”.

A questo punto le trattative per creare una forte maggioranza dentro Sala D’ercole per contrastare la sfiducia diventa imperativa ed urgente per il presidente della Regione. A proposito di questi incontri Lombardo ha dichiarato che “Con Miccichè si sono incontrati, per riportare alla serenità rapporti che erano stati caratterizzati anche da qualche parola di troppo. e per fare un’analisi”. “Lui - prosegue Lombardo - dichiara che se si rompe l’alleanza con il Pd sarebbe disposto a riallearsi con me. Io dico, se si rompe il Pdl , perchè non colloca la Forza del Sud, come è giusto che sia, non solo lontano da una alleanza con la Lega che nuoce al Sud ma distante anche da questo governo che per il Sud non solo non ha fatto nulla ma ha prodotto grandi danni? E perchè Miccichè non si piazza in una posizione in cui una grande forza del Sud, un grande partito dell’autonomia e del Mezzogiorno si alleano sulla base degli interessi del Sud e non dell’appartenenza pregiudiziale a questo o a quell’altro schieramento? Di questo abbiamo discusso”.

Lombardo si esprime anche sulla sua assenza all’incontro di ieri tra i leader dell’Udc, Pierferdinando Casini, di Fli, Gianfranco Fini. “Non ci vedo nulla di strano, è un incontro tra leader del Terzo Polo. Fini e Casini si vedranno e parleranno anche di Sicilia, è normale”.

Intanto ieri è stata rinviata a domani pomeriggio la seduta del’Ars con all’ordine del giorno interrogazioni ed interpellanze della rubrica Famiglia , ma nono sono mancate occasioni per l’opposizione per parlare  contro l’assessore della Sanità Massimo Russo. Salvino Caputo è intervenuto sulla questione della chiusura dei punti nascita e ha chiesto una seduta da dedicare interamente a questo argomento. Inoltre ha chiesto il ritorno del Ddl sulla promozione della lingua dei segni italiana in commissione Bilancio. Infine con queste polemiche si preannuncia una forte battaglia sul documento finanziario approvato dalla Giunta e che dovrebbe arrivare a breve in Aula a Palazzo dei Normanni.

Articolo pubblicato il 12 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus