Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sia Pd che Terzo polo per il Governo politico
di Raffaella Pessina

La sopravvivenza del governo Lombardo legata alle sorti del Pd. Venerdi 150 studenti saranno parlamentari per un giorno

Tags: Ars, Pd, Terzo Polo, Raffaele Lombardo



PALERMO - Proseguono le polemiche all’Ars tra i partiti di maggioranza e di opposizione. Contro il capogruppo del Pd all’Ars si sono espressi i deputati del gruppo Pdl che in una nota hanno scritto a Cracolici di stare sereno e che i partiti dell’opposizione non sono in vendita. “Certamente – hanno scritto nella nota - non capiterà a Pdl, Pid e FdS di presentare mozioni per poi ritirarle. In questo campo lasciamo il primato a Cracolici, presentatore della mozione contro l’assessore Armao e poi acrobatico trasformista nel ritirarla per guadagnarsi la meschina pagnotta dell’ingresso in maggioranza”.

Intanto il Terzo Polo chiede a Lombardo un governo politico. Sembra che stia definitivamente tramontando l’era degli assessori tecnici, soprattutto per le richieste degli alleati di Lombardo, prima del Pd ed ora anche del Terzo Polo. Il Pd romano ha deciso di non voler entrare in giunta, ma nella lista ci sono anche Franco Rinaldi e Baldo Gucciardi. I piani di “alleanza” da Sel ai centristi evocati nei giorni scorsi dal segretario regionale del Pd Giuseppe Lupo svaniscono ogni giorno di più. Ed è invece sempre più probabile una frattura ufficiale all’interno del partito della sinistra. Strappo che garantirebbe da un lato la sopravvivenza del governo di Lombardo e dall’altro un’ufficializzazione al potere del Pd.

Ieri intanto in Aula a Palazzo dei Normanni è stato esaminato il disegno di legge sul linguaggio dei segni, con i relativi emendamenti. Per venerdì invece è prevista una seduta d’Aula tutta particolare: infatti saranno parlamentari per un giorno, ospiti dell’Assemblea regionale siciliana 150 giovani di età compresa tra i 17 e i 18 anni, provenienti dalle diverse province siciliane per dibattere in forma parlamentare di “Energia, tutela ambientale e plastica”. L’iniziativa, patrocinata dall’Ars, è giunta a Palermo, grazie a Youth Parliament, ed è promossa da Federchimica-Plastics Europe Italia e Confindustria Sicilia, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Associazione Palermoscienza.  Al termine della sessione a Sala d’Ercole, una giuria sceglierà i ragazzi che si saranno maggiormente distinti in questa iniziativa.

Ieri, la commissione Bilancio e finanze all’Ars ha espresso parere favorevole sul ddl ‘Misure urgenti e straordinarie per il rilancio e per il superamento della crisi dell’area industriale di Termini Imprese”. A questo punto il provvedimento ritornerà alla commissione di merito, per poi essere trasmesso all’Aula. Nel documento sono previste agevolazioni co-finanziate dallo Stato, per un importo di 100 milioni di euro, e dalla Regione, per 350 milioni di euro. Di questi, 200 milioni di euro sono fondi europei, mentre 150 milioni di euro sono fondi regionali.

Articolo pubblicato il 13 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐