Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lupo: “Governo politico solo dopo le elezioni”
di Raffaella Pessina

Lombardo si dichiara non preoccupato dalla mozione di sfiducia annunciata. Messaggio chiaro del segretario regionale del Pd Giuseppe Lupo

Tags: Ars, Raffaele Lombardo, Giuseppe Lupo



PALERMO - Si surriscalda l’aria a Palazzo dei Normanni, nonostante i lavori siano stati rinviati alla prossima settimana. L’opposizione è al lavoro per preparare la mozione di sfiducia a Lombardo e non solo sulla carta, ma anche attraverso consultazioni con gli scontenti dei partiti che appoggiano il governatore della Sicilia. L’interessato dal canto suo ha fatto sapere di non essere preoccupato ed ha affidato il suo pensiero alla stampa: “Non sono preoccupato per niente della mozione di sfiducia – ha dichiarato Lombardo -  credo nella Provvidenza. Credo che ci siano tutte le condizioni perché venga respinta”.

Ad annunciare la mozione di sfiducia all’Ars era stato il Pdl dopo un vertice con Pid e Forza del Sud. Lombardo dice anche (sul suo blog) di accogliere con favore l’ipotesi di un governo politico avanzata da Fli, Udc ed Api, “il governo politico però non ha solo bisogno dei numeri, ma soprattutto di una maggioranza che abbia una vera volontà riformista e di conseguenza, visti gli atteggiamenti concreti, del profilo essenziale ed insostituibile del Pd”. Purtroppo invece i numeri contano e se la mozione di sfiducia dovesse essere votata da più della metà del Parlamento, le dimissioni diventerebbero inevitabili.

Come prevedibile quindi, ancora una volta l’attività legislativa passerà in secondo piano perchè, prima si dovrà risolvere la questione se questo Governo dovrà andare avanti o se si dovrà tornare alle urne anticipatamente. Il segretario del Pd Giuseppe Lupo prende una precisa posizione: “In questa fase - ribadisce Lupo - non ci sono secondo noi le condizioni per fare un governo politico”. E comunque, per il dirigente Pd “bisogna smettere di parlare di poltrone e assessorati e ricominciare a parlare di cose che interessano alla gente, del lavoro, imprese, infrastrutture, individueremo alcune priorità e faremo in modo che il presidente della Regione si impegni a realizzare questi obiettivi di governo”. E aggiunge: “Stiamo per rilanciare subito l’alleanza tra il Partito democratico, i partiti progressisti, i partiti del Terzo Polo e ovviamente l’Mpa”.

Lupo ha parlato di “coalizione allargata già in vista delle prossime amministrative”. “L’alleanza passa da alcuni punti programmatici - ha ribadito - che dobbiamo individuare a partire dai temi dello sviluppo e del lavoro. Il Governo politico verrà per noi solo dopo una verifica elettorale”. Nessun appoggio politico dall’esterno quindi da parte del Pd, che ha la precisa intenzione, almeno la fronda che fa capo ad Antonello Cracolici, capogruppo del Pd all’Ars, di essere istituzionalizzato all’interno
dell’esecutivo. Inoltre l’Udc dovrà chiarire la propria posizione in merito all’operato dell’assessore alla sanità Massimo Russo, fortemente criticato in Aula nelle scorse settimane. Rimane l’incognita di Forza del Sud con il suo leader Gianfranco Miccichè, con il quale Lombardo non sembra aver trovato punti di incontro:  “l’ultimo scambio di vedute  - ha detto Lombardo - non ci ha visto esprimerci reciprocamente complimenti, anzi tutt’altro. Da tempo amici comuni avevano proposto che ci incontrassimo, l’abbiamo fatto per salutarci e per sgomberare il campo da elementi negativi. Ci siamo scambiati il nostro punto di vista e abbiamo fatto delle proposte: lui auspica che io rompa con il Pd ma io ho risposto che per ritrovarci insieme lui deve rompere con il Pdl”.

Articolo pubblicato il 14 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus