Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sanità, cabina di regia monitora i tempi d’attesa
di Pierangelo Bonanno

Sanità: pubblicato sulla Gurs n. 43/2011 il decreto dell’assessore Russo per attuare il Piano regionale di governo della tempistica. Supportata da tutti i servizi assessoriali, dall’Osservatorio epidemiologico alla Programmazione ospedaliera

Tags: Sanità, Massimo Russo, Sicilia, Regione Siciliana



PALERMO - Nella Gazzetta ufficiale della Regione siciliana n. 43 del 14 ottobre scorso è stato pubblicato il decreto dell’assessore regionale alla salute Massimo Russo, che istituisce la Cabina di regia per il governo dei tempi di attesa.
Nel provvedimento si evidenzia come nella prospettiva di una piena strutturazione ed implementazione del sistema regionale di governo dei tempi d’attesa, è stata prevista la configurazione di una “cabina di regia”, quale centro di coordinamento delle attività, per una regolare analisi delle informazioni desunte dal monitoraggio e per la proposizione di iniziative di miglioramento e di supporto per la programmazione regionale.
 
In particolare, la necessità di costituire la “cabina di regia” ha come fine quello di garantire una attività sistematica e continua di coordinamento e monitoraggio degli adempimenti previsti dal Piano regionale per il governo dei tempi d’attesa, ivi compresa la validazione dei programmi attuativi aziendali, il supporto alla predisposizione di eventuali attività formative a sostegno dell’implementazione del sistema di governo dei tempi d’attesa e la verifica e il controllo delle attività di reporting regionale. Secondo le disposizioni del provvedimento, per dare sinergia e coerenza d’azione, occorre coinvolgere tutti i servizi dell’Assessorato della salute interessati dal tema del governo dei tempi d’attesa, per configurare un processo che, partendo da un puntuale monitoraggio e valutazione dell’attività di reporting delle aziende, proceda ad una analisi dei dati rispetto al fine di supportare la programmazione strategica delle attività ospedaliere e territoriali.

Il supporto alla Cabina di regia sarà garantito da tutti i servizi assessoriali, ed in particolare dal: responsabile del servizio 7 del DASOE “Osservatorio epidemiologico”; responsabile del servizio 8 del DPS “Programmazione territoriale”; responsabile del servizio del DPS “Programmazione ospedaliera”.

Le funzioni di coordinamento e di segreteria della Cabina di regia saranno garantite dal servizio 5 del dipartimento attività sanitarie e osservatorio epidemiologico. La Cabina di regia potrà, per particolari problematiche, avvalersi di esperti di settore coinvolgendo le professionalità appropriate. Nello specifico sono compiti della Cabina di regia: predisporre e mettere in opera una attività sistematica e continua di coordinamento e monitoraggio degli adempimenti previsti dal Piano regionale, facendo riferimento in particolare: a) alla valutazione dei programmi attuativi aziendali; b) alla predisposizione di eventuali attività formative a supporto dell’implementazione del sistema di governo dei tempi d’attesa; c) alla facilitazione, verifica e controllo delle attività di reporting regionale.

L’attività di regia dovrà prevedere il pieno coinvolgimento di tutti gli attori chiamati in causa, sviluppando opportune interlocuzioni con i rappresentanti dei servizi sanitari di base, della specialistica ambulatoriale ed ospedaliera, e con le strutture aziendali specificamente responsabilizzate rispetto alle liste d’attesa e ai sistemi di prenotazione, assicurando in particolare un pieno coinvolgimento delle strutture private accreditate, non solo all’interno del sistema di prenotazioni unificato (CUP), ma anche rispetto alla strutturazione e facilitazione di efficaci percorsi diagnostico-terapeutici riguardanti le aree critiche, con specifico riguardo all’area oncologica.

È inoltre compito della Cabina di regia guidare il percorso di implementazione su tutto il territorio regionale della metodologia dei Rao – raggruppamenti di attesa omogenei – come previsto dal Piano regionale, estendendo nel territorio regionale il lavoro già avviato dai tavoli tecnici interaziendali della Sicilia orientale.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus