Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Coliformi fecali nelle acque li ha rilevati l’Arpa Catania
di Giuseppe Bellia

Nove stazioni di campionamento tra la foce e la sorgente del fiume. La causa di inquinamento ipotizzata è l’allevamento bovino



ADRANO (CT) – In riferimento al recente passato i dati parlano chiaro. Se il futuro sostenibile del Simeto deve essere ancora scritto da politiche pubbliche, mirate alla depurazione delle acque delle comunità facenti parte della valle,  la storia recente del fiume è stata segnata dall’inquinamento antropico.

Il monitoraggio operato dal dipartimento provinciale di Catania dell’Arpa Sicilia, per il triennio 2002-2005 ha tracciato un quadro poco rassicurante sullo stato di salute del corso del fiume che attraversa la piana di Catania. La metodologia utilizzata dai ricercatori ha preso in considerazione il parametro Escherichia coli, quale indicatore di contaminazione fecale, attraverso 9 stazioni di campionamento distribuite dalla foce alla sorgente nella stagione secca (maggio-ottobre) e nella stagione piovosa (novembre-aprile).

L’obiettivo dei campionamenti attraverso i rilevamenti era quello di definire il livello d’inquinamento da macrodescrittori e dello stato ecologico dei corsi d’acqua. La tecnica di monitoraggio utilizzata è stata l’Apatirsa-Cnr 7030 F. Dall’esame dei dati è stata avanzata un’ipotesi d’alto rischio di diffusione di patogeni a trasmissione oro-fecale.

In sostanza, sulla base dei valori limite fissati nella circolare n. 938/97 emanata dall’Ispettorato regionale sanitario siciliano, le acque superficiali non sono state riscontrate idonee per il parametro “coliformi fecali”, in quanto non sono rientrati mai nei limiti (20UFC/100ml) previsti dalla circolare menzionata.

La ricerca ha ipotizzato, quale principale ipotesi d’inquinamento l’allevamento bovino, ma alla luce di quanto recentemente riscontrato dalla vicenda adranita, il campo delle ipotesi delle fonti d’inquinamento per il passato andrebbe ampliato anche agli scarichi reflui.

Articolo pubblicato il 16 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Schiume e liquami delle fogne di Adrano finiscono dritti dritti nel fiume Simeto -
    Ambiente. Depurazione mancata e acque inquinate.
    La scoperta. Un anno fa l’insegnante Anzalone osservò riservamenti continui di rifiuti reflui di defecazione nel fiume. Per mesi ha raccolto le testimonianze di chi vive in zona e dei pescatori.
    Il sistema. Il sindaco di Adrano, Pippo Ferrante, chiama in causa l’ente gestore del servizio di depurazione e spiega che “bisogna investire molte risorse, ci sono costruzioni abusive”.
    (16 luglio 2009)
  • Coliformi fecali nelle acque li ha rilevati l’Arpa Catania -
    Nove stazioni di campionamento tra la foce e la sorgente del fiume. La causa di inquinamento ipotizzata è l’allevamento bovino
    (16 luglio 2009)


comments powered by Disqus
Impatto liquami sul fiume (gb)
Impatto liquami sul fiume (gb)