Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La burocrazia uccide lÂ’agricoltura
di Stiben Mesa Paniagua

Agricoltura. Le carte bollate bloccano le imprese.
Produzione. Nel 2010 le aziende del comparto primario (agricoltura, silvicoltura e pesca) hanno registrato un ridimensionamento del valore della produzione di 71.400.000 euro.
Imprenditori. I redditi dei produttori agricoli sono particolarmente penalizzati dalla contrastata dinamica dei prezzi delle merci agricole e dei consumi intermedi. Più spese e meno ricavi.

Tags: Agricoltura, Burocrazia, Salvino Caputo



PALERMO – La malaburocrazia sta uccidendo le aziende agricole in Sicilia. Per gli imprenditori agricoli, infatti, pesano come macigni i ritardi e le lungaggini burocratiche che, insieme con l’attuale congiuntura economica, fanno chiudere e perdere fatturato.
Nel 2010 hanno chiuso i battenti 4.052 imprese agricole. Nello stesso anno si è registrato un ridimensionamento del valore della produzione di 71.400.000 euro. Per un comparto in ginocchio, falcidiato dalla crisi economica globale, dal calo dei consumi, dall’aumento delle spese e da condizioni climatiche a volte non favorevoli, a dare il colpo di grazia alle imprese agricole ci ha pensato la burocrazia inefficiente. Certificazione antimafia, Durc, rimborsi Iva, tutti elementi accomunati da una parola: “ritardo”. (continua)

Articolo pubblicato il 25 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Imprese attive nel settore agricolo
Imprese attive nel settore agricolo