Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Termini, incompleti alcuni progetti
di Massimo Mobilia

L’assessore regionale alle Attività produttive: a giorni la firma sull’Accordo di programma per il rilancio del polo industriale. “I soldi ci sono”. Manca l’esecutività su parte dei 14 elaborati, chiesto cronoprogramma ai sottoscrittori

Tags: Termini Imerese, Marco Venturi



Palermo - C’è la conferma di Marco Venturi: “Sarà firmato entro pochi giorni l’Accordo di programma per il rilancio produttivo e lo sviluppo per l’area industriale di Termini Imerese. La Regione siciliana ha già reso disponibili 150 milioni di euro per la realizzazione di infrastrutture necessarie a riqualificare il polo industriale di Termini Imerese rendendolo funzionale, competitivo e soddisfacente per tutte le imprese che esistono o che intendano avviare la loro attività”. L’assessore regionale alle Attività Produttive lo ha detto ieri mattina ai rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil che avevano richiesto con una certa urgenza ragguagli sulla vicenda.

Diverse le infrastrutture da realizzare e inserite, nell’ambito dell’Accordo di programma, in una lista di 14 progetti, tra cui a esempio: completamento del porto (molo foraneo e molo sottoflutto), la realizzazione dell’ interporto, il completamento dell’impianto di distribuzione del gas metano nell’ agglomerato di Termini Imerese, opere di urbanizzazione primaria, impianti di illuminazione pubblica dell’area industriale, installazione del sistema di fibre ottiche.

Per alcuni esiste il progetto esecutivo, per altri ancora no. “Tuttavia - recita una nota dell’assessorato - al fine di concordare al meglio i tempi l’assessore, accogliendo le richieste provenienti dai sindacati, chiederà ai soggetti sottoscrittori dell’Accordo di potere realizzare un cronoprogramma relativo alle opere da realizzare. Per questa ragione - dopo la firma dell’Accordo - l’assessore convocherà una apposita riunione con i sottoscrittori ed i sindacati.

Venturi ha chiarito che le risorse finanziarie “sono disponibili. Così come abbiamo acquisito la disponibilità degli Enti sottoscrittori dell’Accordo di programma: Comune di Termini Imerese, Provincia Regionale di Palermo, Consorzio Asi Palermo, Anas, Autorità portuale Palermo, Rete Ferroviaria Italiana, Società Interporti Siciliana, Consorzio Imera Sviluppo 2010, Sosvima spa”.

“Si tratta di una accordo fondamentale e che prevede la realizzazione di infrastrutture - prosegue Venturi - fondamentali per il territorio e per il polo industriale di Termini Imerese. Opere che devono essere realizzate per avere un vero sito industriale in grado di attrarre nuove aziende, nuovi investimenti da parte di chi ritiene di potere installare una realtà produttiva a Termini Imerese. Ma si tratta di opere e infrastrutture necessarie a servire quelle imprese che a Termini Imerese, sia nell’area industriale sia nel territorio circostante, già esistono, sopravvivono e operano e che vedranno diminuire il gap con le altre imprese italiane, legato alla mancanza di infrastrutture fondamentali. Iniziative che produrranno occupazione sia nell’immediato sia - ha concluso - nel futuro grazie ai servizi che renderanno alle imprese".

Articolo pubblicato il 26 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐