Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Via dall'Asp di Messina per il Cannizzaro
di Desirée Miranda

Le dimissioni sono arrivate poco prima della rimozione per il mancato raggiungimento dei risultati. Giuffrida, ex dg dell’Asp messinese, è ora direttore sanitario dell’ospedale etneo

Tags: Catania, Ospedale Cannizzaro, Salvatore Giuffrida, Giuseppe Calaciura, Salvatore Olivieri, Francesco Poli



CATANIA - Salvatore Giuffrida non ha atteso di essere rimosso dall’incarico e si è dimesso da direttore generale dell’Asp di Messina. Era la fine di agosto quando è ufficialmente scoppiato il caso Asp in Sicilia perché gli obiettivi dati ai manager non sono stati rispettati. Il primo a dimettersi è stato il direttore generale dell’Asp di Catania, Giuseppe Calaciura, mentre quello di Agrigento, Salvatore Olivieri, si è riservato di rivolgersi al Tar perché in disaccordo con le motivazioni addotte al suo licenziamento. Poi è stato il turno di Giuffrida, che lasciata la direzione dell’Asp di Messina è tornato all’ospedale Cannizzaro con il ruolo di direttore sanitario. La sua nomina è stata decisa da Francesco Poli, direttore generale della struttura,  che nel frattempo è stato nominato anche commissario straordinario proprio all’Asp di Messina.

Tante le polemiche nate all’indomani della nomina di Giuffrida: sia perché dopo il mancato raggiungimento dei risultati è stato subito riassegnato a un incarico di grande responsabilità, sia per l’accusa di essersi dimesso prima della rimozione perché altrimenti sarebbe stato interdetto per due anni da compiti dirigenziali. Giuffrida, comunque, si oppone a questa visione e difende il lavoro svolto nel messinese.

“Ai direttori generali – spiega - era stato dato l’obiettivo di azzerare il debito, ma all’Asp di Messina, nonostante tutti gli sforzi fatti in un anno e mezzo, non ci sono riuscito. Avrei potuto fare ricorso, non accettare la decisione di licenziamento come il collega di Agrigento, ma sono un uomo di squadra e ho preferito fare un passo indietro”.

Il buco di bilancio era di 64 milioni di euro e “ne sono rimasti solo 15” dice Giuffrida, che tiene a specificare che lui conosceva la drammaticità della situazione a Messina, “ma durante il corso delle attività si sono presentate situazioni inattese come somme a bilancio inesistenti o decreti ingiuntivi che hanno superato ogni attesa gestionale”.
“Mi serviva – afferma - solo più tempo per raggiungere l’obiettivo”.

Lasciata Messina, Giuffrida è quindi tornato a Catania per ricoprire il ruolo di direttore generale del Cannizzaro e il perché di questa scelta lo spiega il manager dell’ospedale Francesco Poli: “Il dottor Giuffrida – afferma - lavora per l’ospedale da moltissimi anni. Lo conosce bene ed è una persona di esperienza e professionalità che ha i requisiti per ricoprire tale incarico. Lo stimo personalmente e poiché dovrà ricoprire tale ruolo solo per 10 mesi (nel 2012 scadrà il mandato naturale iniziato nel 2009) la sua esperienza in loco è un vantaggio anche in termini di tempi per gli interventi da adottare”.

Articolo pubblicato il 26 ottobre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Salvatore Giuffrida, nuovo direttore sanitario dell
Salvatore Giuffrida, nuovo direttore sanitario dell'ospedale Cannizzaro
Francesco Poli, direttore generale del Cannizzaro
Francesco Poli, direttore generale del Cannizzaro