Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Leggi spesso ignorate o volutamente eluse
di Angela Carrubba e Melania Tanteri

L’attività di controllo della Guardia Costiera sulle frodi ittiche. Nell’ultimo anno sequestrati oltre 1.300 chili di pescato



CATANIA - Le leggi relative alla “filiera della pesca” sono spesso ignorate dagli operatori del settore, nonostante i controlli da parte della Guardia Costiera siano serrati. Controlli sanitari, in collaborazione con la Asl, ad esempio, vengono effettuati per tutto l’anno, con particolare attenzione nei periodi “caldi”, Natale, Capodanno, Pasqua e la stagione estiva, durante i quali, più alta è la domanda e, di conseguenza, maggiore è il rischio di frodi. Oltre ai controlli sanitari, pressante è l’attività per quanto riguarda la verifica del rispetto delle leggi sulla provenienza e tracciabilità, sulla veridicità delle informazioni riportate e sulla qualità del prodotto. Nonostante vi sia stato una sensibile riduzione dei fondi a disposizione della Guardia Costiera per quanto riguarda i controlli in mare (le motovedette sono state ridotte da 4 a 2), alto è il numero dei verbali elevati in tutto il 2008, a dimostrazione dell’intensa attività di controllo.

Per quanto riguarda i controlli effettuati nell’area della Sicilia Orientale, ad esempio, nell’ ambito dell’ attività relativa alla “filiera della pesca”  programmata dal Reparto Operativo 11° C.C.A.P , nell’arco temporale compreso tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2008, il personale addetto ha effettuato servizi concretizzatisi attraverso ispezioni e controlli mirati alla verifica della rivendite di prodotti ittici sia all’ingrosso che al  dettaglio, nonché di ristoranti/trattorie e dei mezzi di trasporto del pescato presenti su tutto il territorio cittadino e periferico.

Le operazioni svolte, finalizzate in particolare ad assicurare l’osservanza delle norme che tutelano il consumatore attraverso un’ attenta azione preventiva/repressiva, hanno consentito il conseguimento di risultati apprezzabili. 9 i verbali di sequestro penale, 158 gli illeciti amministrativi, ben 1426 i controlli e le visite ai punti di sbarchi e alle attività commerciali. Il tutto ha portato al sequestro di oltre 1.300 chili di pescato, e a oltre 90 mila euro di sanzioni amministrative erogate.

Articolo pubblicato il 16 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Quando il pesce costa tre volte di più -
    Mercato ittico. Speculazioni nella filiera e frodi.
    Settore in fermento. Nonostante la Sicilia sia terra di pescatori dal mare alla tavola i prezzi sono sempre elevati. I pescatori vendono a poco, ma in bottega il prezzo è alto.
    Filiera corta. Conviene davvero comprare dal pescatore? I rischi ed i trucchi di chi vende “pesce vivo” ed i modi per difendersi. L’obbligo di etichettatura trasparente e completa
    (16 luglio 2009)
  • Lo scorso 23 giugno. Insediato lÂ’Osservatorio del Mediterraneo - (16 luglio 2009)
  • Provenienza e tracciabilità, lÂ’Europa impone chiarezza -
    Le principali norme che regolano la vendita del pesce in Italia. Obbligatoria l’etichettatura dettagliata del prodotto
    (16 luglio 2009)
  • Leggi spesso ignorate o volutamente eluse -
    L’attività di controllo della Guardia Costiera sulle frodi ittiche. Nell’ultimo anno sequestrati oltre 1.300 chili di pescato
    (16 luglio 2009)


comments powered by Disqus
Pesce sequestrato dalla Guardia Costiera (mt)
Pesce sequestrato dalla Guardia Costiera (mt)