Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Lo Statuto siciliano obbliga i Consorzi di Comuni
di Giovanna Naccari

Ddl virtuosi. Liberi consorzi di Comuni iter da accelerare.
Trasformazione. Non si tratta di sopprimere le Province, ma di trasformarle da regionali (vedi Lr. 9/1986) in consortili, istituendo i liberi consorzi di Comuni.
Art. 15, comma 2 - Statuto. “L’ordinamento degli enti locali si basa nella Regione stessa sui Comuni e sui liberi Consorzi comunali, dotati della più ampia autonomia amministrativa e finanziaria”.

Tags: Comuni Virtuosi



Non c’è più tempo da perdere, visto il largo consenso che riscuote: il Ddl sui liberi Consorzi di Comuni, approvato a metà ottobre dalla Giunta regionale e preceduto da tre Ddl di iniziativa parlamentare (Pd, Aps, Fli), dovrebbe essere subito calendarizzato per l’esame in commissione Affari istituzionali, per l’unificazione con gli altri Ddl, e finalmente essere approvato dall’Assemblea in modo da dare applicazione all’articolo 15, co 2 dello Statuto. Dalle nostre interviste ai deputati capigruppo dell’Ars, il Ddl risulta largamente condiviso. Contrari sono Pdl e Pid.
Di fatto l’ente Provincia regionale, istituito dalla lr. 9/86 verrebbe sostituito dal libero consorzio di Comuni, la Provincia consortile, con un notevole risparmio di costi. In tal modo Lombardo realizzerebbe una priorità importante del suo programma. (continua)

Articolo pubblicato il 04 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐