Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Province: la difesa dei presidenti
di Stefania Zaccaria

Enti locali. Ridimensionamento dei costi della politica.
Evidente violazione. La legge 9/86, che ha istituito le Province regionali, è chiaramente incostituzionale. Lo Statuto siciliano, infatti, all’art. 15, parla di liberi Consorzi di Comuni.
Mantenere lo status quo. Sembra  questo l’obiettivo principale dei nove presidenti, contrari alla rimodulazione avviata dalla Regione perche ritenuta “incosciente” e spropositata”.

Tags: Giuseppe Castiglione, Girolamo Turano, Giuseppe Federico, Giovanni Avanti, Giovanni Ricevuto, Eugenio D'orsi, Franco Antoci, Enti Locali, Giuseppe Monaco, Nicola Bono



PALERMO - La trasformazione delle Province regionali in Consorzi di Comuni potrebbe diventare presto realtà, in Sicilia, dove il Governo guidato da Raffaele Lombardo, qualche settimana fa, ha approvato il disegno di legge per la loro rimodulazione, per il decentramento delle funzioni regionali e per la riforma dei liberi Consorzi di Comuni.
Formati da almeno 10 comuni e 250 mila abitanti, dovranno essere amministrati da un’assemblea di cui dovrebbero far parte tutti i sindaci dei Comuni del Consorzio, un presidente, eletto dai consiglieri comunali, e una giunta, nominata dal presidente tra i componenti dell’assemblea o dei Consigli comunali. Tutto ciò si tradurrebbe in un taglio immediato dei costi della politica (attualmente 8 mln di € l’anno). (continua)

Articolo pubblicato il 09 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La prima pagina dello Statuto siciliano (originale del 1946)
La prima pagina dello Statuto siciliano (originale del 1946)