Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - Guerra a chi non rispetta le regole e rilancio del commercio in centro
di Antonio Borzì

Il Centro commerciale naturale di vie Etnea vuole recuperare terreno sulla grande distribuzione. Due degli obiettivi portati avanti dall’assessore comunale Franz Cannizzo

Tags: Catania, Centro Commerciale Naturale, Franz Cannizzo



CATANIA – Proseguono i blitz contro i venditori di panini della città, che hanno visto in questi mesi stringersi la morsa dei controlli nei confronti degli irregolari. A guidare le operazioni l’assessore al ramo del Comune, Franz Cannizzo, che ha dato il via ai controlli dichiarando guerra a chi non rispetta le leggi.
Se da un lato, però, azioni di questo tipo non possono che essere condivise, dall’altro in molti – soprattutto in Consiglio comunale – hanno auspicato una fine della repressione fine a se stessa e un inizio di misure volte a risanare il settore e, se possibile, implementarlo.
Dal canto suo l’assessore ha sempre affermato come “il dialogo con i commercianti che si vogliono mettere in regola è sempre aperto” non retrocedendo nell’azione che ha visto impegnati un ingente numero di vigili urbani etnei.

Adesso, però, qualcosa in concreto sembra cambiato: si parla di un piano di intervento che permetterà a coloro i quali hanno la necessaria autorizzazione al commercio - circa 60 attività - di poter effettuare le proprie vendite in apposite zone predisposte in diversi punti cittadini. Delle aree ristoro, insomma, dove saranno convogliate tutte le medesime attività di vendita. Una soluzione che a prima vista potrebbe sembrare ottima ma che, visto che ancora non se ne conoscono i dettagli, potrebbe nascondere delle insidie pratiche. In primo luogo si dovranno convincere i venditori ad andare in una o nell’altra area predisposta, ma soprattutto si dovranno predisporre degli spazi adeguati per contenere tutti gli avventori che, soprattutto nel weekend, si recano per consumare i pasti serali.

Altro settore dove da tempo si segnalano possibili interventi è quello dei Centri commerciali naturali. Da anni si attende l’effettiva partenza di questo nuovo modo di operare in centro, tentando non solo di salvare l’aspetto economico della questione ma anche quello dell’arredo urbano che, con il progressivo svuotamento delle zone centrali della città, si sta degradando notevolmente. Da questo punto di vista si punta forte su via Etnea con l’omonimo Centro commerciale naturale che vede interessati diversi esercenti che insistono nella principale via cittadina. Ora si può passare dalla fase dei progetti alla loro realizzazione e il bando, come affermato dal funzionario della Regione siciliana, Giuseppe Lucisano, dovrebbe essere pubblicato entro un mese.

Anche l’assessore al Commercio, Franz Cannizzo, da tempo impegnato nella lotta per sostenere il settore contro il progressivo svuotamento delle attività commerciali storiche, si è dimostrato molto interessato a questa nuova realtà che sta sorgendo in città.

“Queste imprese – ha affermato Cannizzo - attraverso una vera e propria qualificazione dell’offerta commerciale possono rappresentare la chiave di volta per fronteggiare la concorrenza dei centri commerciali artificiali, nati nell’ultimo decennio attorno alla città di Catania”.

Articolo pubblicato il 10 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus