Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Siracusa - Prosegue il dialogo con le banche per un supporto allÂ’imprenditoria
di Giuseppe Solarino

Si vuole estendere il coinvolgimento al protocollo d’intesa firmato con alcuni istituti e Comuni. L’impegno della Provincia regionale aretusea per facilitare l’accesso al credito

Tags: Siracusa, Nicola Bono



SIRACUSA – Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra il presidente della Provincia, Nicola Bono, e i rappresentanti degli istituti di credito provinciali per rilanciare alle banche la proposta di adesione al protocollo d’intesa per la semplificazione dell’accesso al credito per le imprese che operano nel territorio aretuseo e hanno rapporti con la Pubblica amministrazione.

“Il protocollo di intesa – ha dichiarato il presidente Bono - sottoscritto il 6 agosto 2010 dalla Provincia regionale con i Comuni e alcuni istituti di credito, nasce dall’esigenza di garantire liquidità alle piccole e medie imprese, in un momento di crisi che vede in grave affanno l’imprenditoria, soprattutto per mancanza di liquidità”.

“La Provincia – ha aggiunto il presidente - ha deliberato l’11 maggio 2011 e, a oggi, si è avuta l’adesione di alcuni dei più grandi istituti di credito e gli atti deliberativi di 16 Comuni della provincia. Con l’ultimo incontro si intende invitare tutti gli altri istituti di credito ad aderire, poiché appare necessario garantire lavoro e liquidità alle imprese e, la gestione di tali esigenze, non può di certo sopportare tempi differenti”.

“A causa del Patto di stabilità – ha proseguito Bono - negli Enti locali ci ritroviamo ad attraversare una situazione vincolante per l’economia ma, proprio per questo motivo, bisogna riorganizzare il tema del mercato siracusano con novità che, anche se comportano sacrifici, possano portare alla difesa della scarna economia locale”.

Il presidente della Provincia ha dunque invitato i responsabili degli istituti di credito intervenuti a un altro incontro da tenersi nei prossimi giorni, lasciando così un margine di tempo necessario per le dovute valutazioni e con l’obiettivo di acquisire ulteriori adesioni. Nel frattempo, saranno relazionati sull’iniziativa gli istituti di credito assenti che verranno opportunamente convocati ancora una volta al prossimo incontro.

“Anche perché – ha concluso Bono - non vorremmo creare momenti di concorrenza, basata sull’adesione o meno al protocollo, tra le banche che non possano non riconoscere la validità dell’iniziativa e l’assoluta esigenza che la stessa possa diventare cooperativa e provocare i benefici che ci si auspica per il tessuto economico e produttivo provinciale”.

L’assessore provinciale alle Attività produttive, Niky Paci è intervenuto precisando che “in riferimento al meccanismo portato avanti da questa amministrazione, rispondere al problema della liquidità vuol dire non solo offrire la completa disponibilità dell’ente ma, soprattutto, garantire pari opportunità alle imprese per la libera concorrenza”.

All’incontro erano presenti anche il direttore generale, Clelia Corsico, e il dirigente responsabile del settore finanziario, Giovanni Vinci.

Articolo pubblicato il 17 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus