Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Imprese, in tempi di crisi i confidi sono basilari
di Desirée Miranda

Forum con Bartolo Mililli, amministratore delegato Confeserfidi

Tags: Bartolo Mililli, Confeserfidi



Come è andato fino adesso l’anno 2011 e come si concluderà? Sono state rispettate le previsioni economico-finanziarie?
“Lavoriamo ogni giorno con impegno per crescere ed irrobustire il nostro confidi. Ma se da una parte abbiamo avuto un incremento reputazionale nel nostro ruolo, l’attività concreta ha risentito del credit crunch operato attualmente dalle banche, tanto è vero che produciamo numerosissime richieste di finanziamento alle banche ma queste sono un po’ rallentate nell’erogazione del finanziamento per via della contingenza economica e dalla progressiva riduzione di liquidità presente nei mercati. Tutto questo ci porta sostanzialmente ad avere gli stessi numeri dell’anno scorso. Ci avvieremo a chiudere l’anno con circa cento milioni di euro di finanziamenti erogati e garantiti dal nostro confidi. Ad ogni modo abbiamo rifatto tutte le convenzioni con le banche e abbiamo ridisegnato l’intera rete commerciale”.

Come sta influendo la crisi nello svolgimento quotidiano del vostro lavoro? In che misura?
“La crisi c’è e c’è per tutti, ma devo dire che in un momento delicato come questo, il ruolo di Confeserfidi si è amplificato. Infatti, se fino a due o tre anni fa le imprese si rivolgevano a noi per accedere principalmente al contributo in conto interesse dalla Regione per il nostro tramite, oggi invece ci contattano perché non riescono ad accedere ai finanziamenti bancari, alla liquidità. Oggi giorno, infatti, senza confidi che intermedia diventa molto difficile per le imprese avere il credito. Paradossalmente quindi la crisi ha rafforzato il nostro ruolo e al contempo anche le istituzioni hanno aumentato la loro fiducia nel ruolo del confidi stesso”.

Ci sono degli elementi negativi che possono inficiare il lavoro nel prossimo futuro? E cambierà il ruolo di Confeserfidi?
“Sicuramente il problema principale sta nella riduzione progressiva delle risorse pubbliche a favore del rafforzamento del confidi e a sostegno degli oneri finanziari delle imprese socie. Ecco allora che il ruolo del confidi bisogna reindirizzarlo verso la consulenza finanziaria. Le piccole imprese e i piccoli artigiani e commercianti della Sicilia sono sostanzialmente persone che hanno bisogno di soluzioni. Ognuno con la sua attività, certamente. Il confidi oggi è l’unica istituzione che ha un ruolo di mediatore, garante e consulente insieme, frapponendosi tra le esigenze contrapposte della banca e dell’impresa”.

Ci sono due tipologie di confidi. Qual è la differenza tra un confidi 107 e uno ordinario cosiddetti 106?
“In primo luogo il confidi 107 è un intermediario vigilato, il 106 no. In pratica siamo la Regione, insieme a Lombardia e Veneto, dove c’è una maggior quantità di confidi. Non troppi rispetto alla realtà siciliana se consideriamo che solo il 10 per cento circa delle 500 mila aziende siciliane è socia. Il margine di crescita è considerevole e nelle altre regioni molte più imprese usufruiscono dei nostri servizi. In Sicilia la situazione è un po’ diversa, comunque. Molte aziende sono agricole e forse siamo l’unico confidi di matrice 107 che opera in questo settore. Un po’ per la vocazione del territorio in cui nasciamo (Ragusa), un po’ perché siamo convenzionati con il fondo centrale di garanzia per l’agricoltura, gestita da Sgfa. In pratica, insieme a questo fondo, riusciamo a dare alle banche l’80 per cento di garanzia, rischiando solo il 20 per cento. È un prodotto che ha molto successo presso le aziende agricole, soprattutto in questa fase in cui l’agricoltura, dal punto di vista del valore aggiunto non riesce ad avere tanto. Nonostante i prodotti siano tra i migliori nel mondo, infatti, i prezzi sono sempre bassi”.

Come viene recepito dalle imprese il messaggio di Confeserfidi? Notate ancora delle ritrosie?
“Ci siamo sempre proposti noi alle imprese, da quando siamo nati, offrendo i nostri servizi. Ma sono molto cambiati gli atteggiamenti nei nostri confronti, anche da parte delle banche. Se prima ci vedevano quasi come un patronato, adesso ci hanno molto rivalutato, soprattutto i confidi 107 che permettono loro di azzerare l’assorbimento patrimoniale, diventando partner privilegiati”.
 

 
“Nell’anno in corso, abbiamo mediato per circa 100 milioni di euro di finanziamenti alle imprese”
 
Quali sono i numeri che caratterizzano Confeserfidi? Quanti i soci? Sono in aumento?
“Siamo arrivati a ben dieci mila soci in totale. Soci che aumentano ogni anno. Siamo passati, infatti, dai 700 iscritti nell’anno 2008 a 1.100 nuovi soci acquisiti nell’arco del 2011. Abbiamo mediato per circa 100 milioni di euro di finanziamenti alle imprese e ne perfezioneremo circa 1500 entro al fine dell’anno in tutta la regione Siciliana. Abbiamo anche aperto una agenzia fuori dalla nostra regione, a Reggio Calabria e abbiamo sottoposto a uno stress formativo i nostri consulenti commerciali perché ormai, essendo intermediari vigilati, abbiamo obblighi di conformità alle norme. Siamo diventati quasi come una banca, insomma, anche se il termine corretto è: intermediario finanziario vigilato”.

Avete una distribuzione delle sedi in tutto in territorio siciliano? Quante sono in totale le filiali? E quelle confidi 107?
“Abbiamo una buona distribuzione nel territorio. In totale ci sono sedici filiali in Sicilia, ma la prima in assoluto nasce a Scicli. E siamo il maggior confidi in Sicilia, perché nessuno ha sedici filiali. I nostri collaboratori sono invece 110 in totale. Una quarantina svolgono i loro compiti nella sede centrale, gli altri 70, invece, svolgono il loro lavoro nelle sede dislocate nella regione e nella nuova sede di Reggio Calabria”.
 

 
In progetto molte novità per migliorare il servizio
 
Quali sono i rapporti con la Regione? Com’è la situazione per i contributi in conto interesse? E per il rafforzamento patrimoniale del confidi?
“Bisogna distinguere tra la gestione dell’assessorato alla Cooperazione che ha gestito il tutto fino al 2006 e la gestione dell’assessorato all’Economia dal 2006 in poi. Ovviamente c’è voluto del tempo perché questo assessorato organizzasse al meglio il servizio, ma sembra che siamo in dirittura di arrivo, con la messa a regime di fidiweb. Hanno fatto una piattaforma telematica attraverso la quale  presentiamo le istanze direttamente, ma fino ad ora con un lavoro preparatorio immane. Tuttavia a breve fidiweb porterà a migliorare di molto il sevizio da loro offerto, soprattutto in termini di tempo. Fin’ora invece le cose non sono andate molto bene, soprattutto per la mancanze di risorse adeguate, per il rafforzamento dei patrimoni dei confidi. In tutta Italia i confidi sono veramente considerati  uno strumento di crescita per le aziende, da noi ancora si stenta a riconoscerne il ruolo.  Dobbiamo però dire che l’assessorato all’Economia ha intenzione di recepire le istanze che giungono dal mondo produttivo tant’è che è stato istituito un apposito tavolo tecnico, che probabilmente porterà a breve al risultato sperato. Con confidi più forti, le banche erogano più finanziamenti alle imprese”.

Cosa ci sia aspetta per il 2012? Quali gli obiettivi?
“Siamo fortemente impegnati nella diversificazione dei servizi. La vigilanza della Banca d’Italia ha portato ottimi risultati per la nostra azienda. Inoltre per i confidi maggiori, ci sono molte più opportunità e se per il 51 per cento della nostra attività dobbiamo perseguire sempre gli obiettivi tipici del confidi, per il restante 49 per cento possiamo spaziare in altre attività per migliorare i servizi alle imprese. In particolare abbiamo fatto quattro divisioni: uno per i finanziamenti diretti e garanzie, uno per le consulenze finanziarie e i contributi a fondo perduto. Poi abbiamo il fidi family per cessioni del quinto o mutui o prestiti personali e in fine la divisione per le coperture assicurative e le fideiussioni”.
 

 
Curriculum
 
Bartolomeo Mililli, dottore commercialista, è nato il 26 febbraio del 1967. Dal 1995 ha ricoperto numerosi incarichi professionali: è stato docente, coordinatore didattico e amministrativo per diversi enti, associazioni e scuole, occupandosi principalmente di economia e finanza; presidente dei revisori dei conti del comune di Pozzallo; curatore fallimentare, commissario liquidatore e commissario straordinario in diverse procedure concorsuali; in qualità di esperto, si è sempre occupato di finanza agevolata collaborando attivamente anche con diversi confidi e banche. Nel 1998 è stato eletto presidente di Confeserfidi e adesso ne è amministratore delegato.

Articolo pubblicato il 18 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Bartolo Mililli, amministratore delegato Confeserfidi
Bartolo Mililli, amministratore delegato Confeserfidi