Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Nel 2010 aumento dei medici in pensione
di Liliana Rosano

Dai dati Inpdap risultano avere scelto il pensionamento 336 uomini e 77 donne, in totale 443 camici bianchi siciliani. L’impennata si è registrata non solo in Sicilia ma l’Isola conta un esubero che inizia a scendere

Tags: Sanità, Pensione, Inpdap



Palermo – Camici bianchi fuggono dalle corsie. Un vero e proprio abbandono quello dei medici siciliani che scelgono il pensionamento in massa.

A parlare sono i dati Inpdap 2010 (Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica), che hanno stimato il numero dei pensionamenti del personale medico in servizio presso gli ospedali pubblici. Tra il 2009 e il 2010, nell’Isola da 196 medici maschi si è passati a 366 medici che sono andati in pensione, mentre le donne che hanno lasciato gli ospedali sono passate da 31 nel 2009 a 77 nel 2010. Un totale di  443 camici bianchi che fanno registrare un + 51 di pensionamenti nel giro di un solo anno.  Medici italiani quindi  in fuga dagli ospedali.

Nel 2010, in tutta la Penisola,  oltre 4 mila camici bianchi che lavoravano nelle strutture pubbliche hanno appeso il camice al chiodo. Per la precisione 4.144, di cui 3.337 uomini e 807 donne. Un vero e proprio boom di uscite, se si considera che nel biennio precedente (2008-2009) il numero dei pensionamenti si era sempre mantenuto stabile intorno ai 2.700 l’anno. Una vera impennata dal 2009 al 2010: +50% per i maschi, +70% per le dottoresse. E che conferma tutti i timori lanciati da più parti su una carenza di medici nei prossimi anni.

A giustificare questo ‘esodo biblico’ entrano in ballo tanti elementi. In parte si può certamente collegare all’età più avanzata dei medici, o al fatto che sempre più donne negli anni hanno scelto di indossare il camice. Ma non basta. Non si può non pensare al malcontento lamentato dai camici bianchi nell’ultimo periodo.

Sono ormai due-tre anni infatti che i medici si sentono ‘perseguitati’ da leggi e misure che complicano la loro attività e che minano la qualità della loro vita professionale: contratto bloccato, retribuzione congelata, nuove norme penalizzanti sulle pensioni. 

D’altronde i numeri dell’Inpdap parlano chiaro: nel 2008 sono andati in pensione 2.202 maschi e 483 femmine; nel 2009 gli uomini che hanno lasciato la professione sono stati 2.227 e le donne 470; mentre nel 2010 si è arrivati a 3.337 maschi e 807 femmine. Il dato, già di per sè clamoroso, assume una rilevanza maggiore anche per la sua distribuzione omogenea in tutte le Regioni.

Analizzando le tabelle dell’Inpdap, si può infatti notare che - a parte la Valle D’Aosta - l’impennata si è registrata ovunque. Scendendo lo Stivale da Nord a Sud, se si prendono in considerazione solo le uscite dei medici maschi tra il 2009 e il 2010, emerge questo quadro: in Veneto da 188 pensionamenti si è passati a 240; in Piemonte da 131 a 184; in Lombardia da 288 a 383; in Friuli Venezia Giulia da 53 a 72; in Trentino Alto Adige da 34 a 38; in Emilia Romagna da 144 a 241; in Liguria da 68 a 100; in Toscana da 142 a 244; in Umbria da 42 a 74; nelle Marche da 58 a 106; in Abruzzo da 70 a 91. Nel Lazio si è passati da 238 a 321 pensionamenti; in Molise da 15 a 37; in Campania da 236 a 356; in Basilicata da 11 a 24; in Puglia da 147 a 219; in Calabria da 89 a 137; in Sicilia da 196 a 366; in Sardegna da 66 a 84. Fa eccezione la Valle D’Aosta dove nel 2009 si sono registrati 3 pensionamenti e solo 2 nel 2010.

Dalle tabelle dell’Istituto previdenziale emergono quindi percentuali di crescita - tra i medici uomini - che vanno dal 20% a oltre il 90%. Percentuali praticamente raddoppiate, e anche di più in alcune regioni, se invece si prendono in considerazione i dati relativi alle donne medico. Sempre facendo un ipotetico viaggio da Nord a Sud ci si trova davanti a uno scenario ancora più significativo: in Veneto da 30 pensionamenti si è passati a 38; in Piemonte da 37 a 59; in Lombardia da 88 a 103; in Friuli Venezia Giulia da 8 a 16; in Trentino Alto Adige da 5 a 10; in Emilia Romagna da 32 a 76; in Liguria da 18 a 29. In Toscana si è passati da 29 a 67 pensionamenti; in Umbria da 11 a 17; nelle Marche da 7 a 15; in Abruzzo da 12 a 21; nel Lazio da 69 a 111; in Molise da 3 a 6; in Campania da 28 a 67; in Basilicata da 2 a 3; in Puglia da 16 a 33; in Calabria da 18 a 22; in Sicilia da 31 a 77; in Sardegna da 23 a 33. In Valle D’Aosta nel 2010 si è registrata solo un’uscita, mentre nel 2009 nessuna donna aveva lasciato la professione.

Articolo pubblicato il 19 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus


´╗┐