Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ars: torna a riunirsi Sala d’Ercole dopo 10 giorni
di Lucia Russo

Da Cascio, Lombardo e Armao vive congratulazioni a Pitruzzella. Maroni (Lega): “Vendere i beni confiscati alla Mafia”

Tags: Ars, Giovanni Pitruzzella, Mario Monti, Francesco Cascio, Raffaele Lombardo, Gaetano Armao, Mafia, Lega, Roberto Maroni



PALERMO – Dopo circa dieci giorni di sospensione, l’Assemblea regionale siciliana torna a riunirsi a Sala d’Ercole oggi per la seduta delle 16. All’ordine del giorno c’è lo svolgimento di interrogazioni e di interpellanze della rubrica Salute, e nella stessa giornata, alle ore 15.00, è prevista la Conferenza dei Presidenti dei Gruppi parlamentari. Nel corco della pausa si è verificata l’impugnativa della legge già approvata dall’Ars e in attesa di pubblicazione sulla Gurs, quella sulla riforma di Agricoltura, Artigianato e Pesca, soprattutto per violazione dell’articolo 81 della costituzione s(copertura finanziaria). Per cui è normale ritenere che ci sarà in aula la nuova approvazione della legge previo stralcio delle norme impugnate.

Il fine settimana appena trascorso è stato impegnato dalle congratulazioni per Giovanni Pitruzzella alla nomina di Autorità antitrust voluta dal nuovo governo Monti, che compensa l’assoluta assenza di ministri siciliani.

“Manifesto le mie vive congratulazioni al professore Giovanni Pitruzzella, certo che la sua nomina a presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, costituisca una scelta strategica a fronte delle grandi qualità professionali e dello spessore che caratterizzano l’uomo e il giurista” ha detto il presidente dell’Ars, Francesco Cascio, commentando la nomina di Pitruzzella alla presidenza dell’Antitrust. Cascio ha aggiunto: “La lunga esperienza di Pitruzzella nell’ambito costituzionale e amministrativo si riveleranno di grande supporto per guidare un compito così delicato, soprattutto in un momento cruciale dell’economia, dove trasparenza e legalità sono due imperativi fondamentali”.

“Il fatto - ha concluso Cascio - che si tratti di un siciliano è motivo di grande fierezza per tutti noi. Nel rinnovargli la mia stima gli auguro un buon lavoro”.

“La sua competenza e sensibilità’, la sua esperienza accademica e professionale, la sua attenzione e dedizione alla situazione locale, saranno utilissime risorse che potrà  mettere a servizio del Paese, nella particolare contingenza che sta attraversando, in un settore tanto delicato quanto decisivo. A Giovanni faccio dunque tantissimi auguri per il suo incarico” così’ l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao. “E’ motivo di soddisfazione e di lustro per la nostra regione che un siciliano abbia ricevuto dalle massime cariche del Parlamento un così  alto e rilevante compito, in un nodo cruciale per la trasparenza del mercato e il rispetto delle regole della libera concorrenza. Gli rivolgo, quindi, i miei migliori auguri di buon lavoro" queste le parole del presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo.

L’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, parteciperà oggi al convegno "Immigrazione e salute. Lampedusa come modello di riferimento nazionale", organizzato dalla associazione Gange onlus. Verrà tracciato un bilancio dell’emergenza immigrazione e sanitaria che ha riguardato l’isola siciliana in questi ultimi sette mesi.

Sul fronte dei beni confiscati alla mafia ieri la Lega, ormai all’opposizione, è intervenuta: "A oggi ci sono oltre 50 mila beni sottratti alla criminalità organizzata per un valore superiore a 25 miliardi di euro. Ma i professionisti dell’antimafia, che ancora esistono, hanno gridato allo scandalo quando ho proposto di venderli. Dicono: se li vendiamo se li ricompra la mafia. Bene, dico io, allora li sequestriamo di nuovo” ha detto l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Articolo pubblicato il 22 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus