Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Caltanissetta - Storico accordo di collaborazione Tribunale-Camera di Commercio
di Valerio Martorana

Montante: “I germogli di una nuova cultura, senza precedenti”. Leone: “Pendenze ridotte del 17%”. Organico: sette unità vanno in servizio a Gela a supporto dell’attività giudiziaria

Tags: Lucia Lotti, Antonello Montante, Caltanissetta, Angelo Fasulo



Gela (CL) - La Camera di Commercio, il suo presidente Antonello Montante, tutta la giunta camerale, il sindaco Angelo Fasulo, hanno incontrato il capo della Procura, Lucia Lotti nella sede del vecchio Tribunale. Fitto il programma, prima la riunione di giunta, poi l’incontro con il procuratore capo di Gela e quindi la firma del protocollo d’intesa con il presidente del Tribunale di Gela. Al centro dell’iniziativa, la collaborazione con la Camera di Commercio che ha messo a disposizione parte del proprio organico per le esigenze del Tribunale gelese.

“Vedo i germogli di una nuova cultura – ha detto Montante - e una realtà di collaborazione che non ha precedenti nel nostro territorio e che può produrre solo frutti positivi. Se abbiamo sostenuto e supportiamo la magistratura aiutiamo le imprese e faremo solo l’interesse delle aziende del nostro territorio”.
Per la prima volta in 30 anni la Camera di Commercio si reca a Gela per tenere una riunione di giunta che vuole essere un messaggio di rinnovamento e di legalità esteso a tutta la provincia.

“Il servizio giustizia - ha detto la  Lotti - non è solo fare le indagini e fare i processi, ma anche rendere pubblico con il nostro report annuale e quindi la situazione del territorio sulla base delle analisi effettuate durante l’anno. Non siamo statici, ma una realtà integrata. Oggi ci viene chiesto di fare un bilancio sociale. Facciamo un servizio che vuole interagire con il territorio. Le aziende, se noi mettiamo a disposizione una mappatura del territorio, potranno muoversi meglio” Il ringraziamento della Lotti è poi andato all’ente camerale e al personale che è stato messo a disposizione dall’ente camerale alla Procura di Gela e che è stato assegnato alle relazioni con il pubblico.

“Questo territorio - ha concluso la Lotti - che ha vissuto momenti difficili può farcela solo se si mette da parte il non detto e si garantisce la trasparenza che può consentire il sereno sviluppo. Siamo attenti a tutte le situazioni che palesano ambiguità e relazioni che non sono trasparenti, le forzature di mano e tutte le azioni che non determinano una sana concorrenza”.

Tutta la giunta e il presidente si sono quindi spostati nella nuova sede del Tribunale di Gela, dove si è tenuta la firma del protocollo d’intesa tra il presidente Montante e Alberto Leone, presidente del Tribunale di Gela. Alla sigla dell’accordo era presente Salvatore Cardinale, presidente della Corte di Appello di Caltanissetta. Erano presenti il giudice Lirio Conti, il presidente della sezione penale, Paolo Fiore e alcuni magistrati. Dopo la firma dell’accordo, saranno dislocate sette unità di personale che transitano dalla Camera al Palazzo di Giustizia di Gela. In specifico quattro sono già state dislocate alla Procura di Gela, altre tre andranno al Tribunale. Inoltre è previsto un accesso dedicato alla magistratura per le informazioni camerali sulle imprese.

“La nostra gratitudine – ha detto Leone - per questa forma di collaborazione con la Camera di Commercio è grande ed è un momento di concreto interscambio. A queste nuove unità che arrivano dall’ente camerale dico fin d’ora si troveranno bene in un ambiente ricettive e le ringrazio fin d’ora per la loro presenza” . Il presidente Leone ha presentato al presidente Cardinale i risultati dell’attività svolta con il 17% di pendenze in meno rispetto all’anno scorso e la buona volontà dei nuovi magistrati in forza al Tribunale di Gela. “Questo Tribunale – ha sottolineato il sindaco Angelo Fasulo - è un riferimento per tutta la città È un riferimento fisico che rappresenta il cambiamento di una città”.

Sul protocollo, il presidente Montante, ha sottolineato che la Camera mette a disposizione risorse personale con le competenze necessarie a sostegno e allo smaltimento delle pratiche e dell’attività giudiziaria per la istituzione Giustizia.
“Sono nella veste di testimone di questo momento – ha detto Cardinale, presidente Corte d’Appello di Caltanissetta. Abbiamo scelto questo luogo non a caso. Qui ho visto nascere la criminalità di Gela ed ho vissuto in pieno la guerra di mafia e il nascere di un fenomeno che adesso è in sostanziale esaurimento. La giustizia non è solo un problema dei magistrati, ma è un fatto sociale e collettivo. Per questo ho sempre dialogato, in questi 30 anni, con i giovani e mi sono relazionato con loro”.

Articolo pubblicato il 26 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus