Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds

Quotidiano di Sicilia

Direttore Carlo Alberto Tregua



Emodialisi: rimborsi ai pazienti
di Stiben Mesa Paniagua

Sulla Gurs n. 49/11 il decreto del 13 ottobre che ha istituito l’albo per gli autorizzati al trasporto. Anche per coloro che si spostano con mezzi propri: Sicilia come le altre regioni

Tags: SanitÓ, Emodialise



PALERMO – È stato istituito l’albo regionale di enti autorizzati al trasporto di pazienti emodializzati. Il Decreto, firmato il 13 ottobre scorso dall’assessore Russo e pubblicato nell’ultima Gazzetta ufficiale della Regione siciliana (n. 49/11), oltre alla regolamentazione del servizio offerto ai pazienti, rientra nel più ampio progetto di “Riordino del servizio sanitario regionale”.
 
L’operazione, in effetti, è stata inquadrata nell’ottica del contenimento della spesa della Regione, tenendo conto che non tutti i pazienti emodializzati hanno lo stesso grado di autosufficienza, e quindi non tutti hanno la reale necessità di essere accompagnati da esterni nei centri dialisi.

A partire dal decreto n. 477 del 21 marzo 2011, Interventi in materia di trasporto di pazienti emodializzati, risultava necessario regolamentare l’attività delle strutture esterne ammesse alla stipula di convenzioni con le Aziende sanitarie provinciali per il trasporto degli emodializzati. Questo con l’obiettivo di definire sull’intero territorio regionale uniformi procedure di trasporto degli emodializzati sulla base di un partecipato confronto con le associazioni ed operatori del settore.
 
Fino ad oggi, infatti, la libertà di scelta del paziente si è limitata alla esclusiva offerta di servizio di trasporto affidato ad enti terzi che operano in convenzione con le  Asp. Adesso, si vuole permettere ai soggetti nefropatici autonomi di svincolarsi dal concetto di malattia invalidante puntando sulla loro integra autosufficienza, riconoscendo agli stessi un rimborso economico da utilizzare, in occasione dei trattamenti emodialitici, per qualsiasi mezzo di trasporto. Una necessità più volte evidenziata dalle associazioni di malati regionali e nazionali.

Una modalità di rimborso già prevista in altre Regioni, quella di erogare direttamente anche a pazienti con accompagnatore un rimborso in ragione dello spostamento compiuto con mezzo proprio rispetto alla sua residenza per eseguire il trattamento di emodialisi, fermo restando il diritto del paziente di scegliere di servirsi di mezzi o tipologie diverse di trasporto, in tal caso lo stesso utente si farà carico dei costi della eventuale differenza.
Il Decreto stabilisce tre categorie di pazienti, in base al grado di autosufficienza: utente autosufficiente; utente parzialmente autosufficiente; e utente non autosufficiente.

Sulla scorta di tale distinzione, vengono differenziate le tipologie di rimborso in base alla distanza coperta tra il domicilio dell’utente ed il centro dialisi più vicino. Per coloro che sono ritenuti autonomi, per 7 km sono previsti 8 euro di rimborso, quale tariffa base. Oltre i 7 chilometri coperti tra andata e ritorno verrà riconosciuto il rimborso di euro 0,30 (pari all’attuale costo di 1/5 di benzina) per ogni chilometro eccedente, per il rimborso del quale è necessaria la preventiva autorizzazione della Asp competente.

Per coloro che non sono autonomi o che sono limitatamente autonomi, il rimborso alle onlus convenzionate che effettuano il trasporto sarà dato sulla distanza base di 30 km: dove se inferiore corrisponderà a 44,50 euro o se superiore sarà di 48 euro.
Oltre i 60 chilometri coperti tra andata e ritorno verrà riconosciuto il rimborso di euro 0,30 per il rimborso di ogni chilometro eccedente, anche qui, è necessaria la preventiva autorizzazione della Asp competente.

L’iscrizione all’albo regionale sarà condizione necessaria per essere ammessi alla stipula di convenzioni con le Asp della Regione siciliana. Gli enti interessati allo svolgimento del servizio di trasporto degli emodializzati presso i centri sanitari nei quali gli stessi sono curati dovranno avanzare istanza per l’inserimento nell’albo entro novanta giorni dalla pubblicazione (venerdì 25 novembre) del decreto nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana. A partire dall’1 gennaio 2012 per il trasporto degli emodializzati le aziende, agli enti accreditati iscritti all’albo regionale o ai pazienti autonomi che fanno la richiesta, riconosceranno questo tipo di rimborsi in base alla tipologia di trasporto e al grado di autonomia del paziente.

Articolo pubblicato il 29 novembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

RSS© 2001 Ediservice S.r.l. - P.I. 01153210875 - Tutti i diritti riservati / Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Grafica Neri & Dodè / Hosting Impronte digitali