Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Beni confiscati, spreco dei sindaci
di Alessandro Petralia

Patrimonio. Immobili a disposizione che rischiano di marcire.
Le cifre. Nel 2011 in Sicilia si contano oltre 5 mila beni confiscati alla mafia, ma solo 2 mila sono riutilizzati per gli scopi previsti dalla legge. Gli altri sono fermi al palo e perdono valore.
Lentezze. L’Agenzia riesce ogni anno a destinare più beni di quante sono le confische, ma serve un ulteriore salto di qualità per ridurre il monte di immobili che giacciono inutilizzati.

Tags: Mafia, Beni Confiscati



PALERMO - Sempre più spesso palazzine sottratte ai mafiosi diventano caserme per le forze dell’ordine o centri di recupero per tossicodipendenti, così come molti terreni confiscati vengono trasformati in luoghi di agricoltura biologica dalle cooperative sociali che li hanno presi in gestione. I problemi però, soprattutto per quanto riguarda la destinazione e l’utilizzazione, rimangono enormi e spesso lentezze burocratiche, cavilli legali e non ultime difficoltà legate al potere intimidatorio dei clan fanno in modo che molti dei beni sottratti alla mafia restino inutilizzati: il problema è grave perché ogni immobile confiscato che resta a marcire è una piccola sconfitta per lo Stato e un’opportunità in meno per tanti giovani, che grazie a quegli immobili potrebbero realizzare svariate e vantaggiose attività. (continua)

Articolo pubblicato il 21 dicembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
I Beni Confiscati alla Mafia nelle Province Siciliane
I Beni Confiscati alla Mafia nelle Province Siciliane