Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Prestiti sotto l’albero, Sicilia terza
di Liliana Rosano

Dopo Campania e Calabria, nell’Isola molti residenti costretti ad indebitarsi pur di onorare la festa più consumistica. Pensieri alle persone più vicine, viaggi, cenone: i costi corrono e spesso i risparmi non bastano

Tags: Speciale Natale 2011



Palermo – Ai regali di Natale i siciliani proprio non vogliono rinunciare. Nonostante la crisi, il clima di austerità, per le festività natalizie non si bada a spese.

Per fare fronte agli acquisti di Natale, in tempi di magra, il rimedio che hanno trovato in molti è quello di fare ricorso ad un prestito. Lo rivela un’indagine condotta da prestiti.it che posiziona l’Isola al terzo posto tra le prime tre regioni italiane che chiederanno finanziamenti per regali e viaggi. La regione in testa alla classifica dei “debitori natalizi” è la Campania, seguita da Calabria e Sicilia, mentre il Nord Italia (Lombardia, Friuli e Piemonte) risulta essere più parsimonioso o, meglio specificare, quantomeno in migliori condizioni economiche.

Il grosso degli aiuti viene utilizzato per l’acquisto dei regali da mettere sotto l’albero (61%); a seguire i prestiti per potersi permettere una settimana bianca o un viaggio (30%) e per imbandire la tavola per il cenone di Capodanno (9%), per comprare nuovi elettrodomestici (18%), arredamento (13%), e infine giocattoli (13%). Il sondaggio, ha rilevato che il 34% degli italiani nel mese di dicembre ricorrerà a dei finanziamenti per poter affrontare le spese legate alle prossime festività.

Per quanto riguarda le cifre, dalla ricerca emerge che il 54% degli intervistati afferma di aver bisogno di più di 2000 euro per far fronte alle spese. Sono gli uomini ad essere i più spendaccioni (40%), notoriamente più inclini al credito al consumo, mentre solo il 26% delle donne sarebbero disposte a chiedere un finanziamento. Interessante, anche la distribuzione secondo le fasce d’età: nonostante le pensioni stiano subendo un notevole ridimensionamento, sono gli over 60 i più inclini al prestito (44%), così come i giovani under 25, studenti o disoccupati che però non rinunciano alle gioie del Natale. Il sondaggio ha anche analizzato i tempi di restituzione: per il 42% del campione se ne riparlerà solo dopo le feste del 2013.

Accanto a questi dati si aggiungono anche quelli di Telefono Blu, secondo cui gli italiani spenderanno per le feste circa un miliardo in meno rispetto all’anno passato, dimostrando anche una particolare attenzione a sconti e promozioni. A tal riguardo il Codacons ha denunciato un sensibile rincaro dei prezzi, soprattutto per le decorazioni: +7,50% per l’albero vero, +2,86% per le palline, +4,32% per il centrotavola, +6,06% per la stella di Natale.

Siciliani cicale ma anche formiche, che tendono cioè al risparmio e al riciclo. Cosi, se il portafoglio piange non resta che dare spazio all’ingegno e alla creatività.
Allora si all’albero sintetico, agli addobbi che siano anche commestibili (alberelli di cioccolato, palline di biscotto, caramelle da appendere) oppure alle decorazioni fatte in casa, utilizzando frutta e piante o alternativamente adoperando materiali da riciclo (tappi di sughero, cartoni da imballaggio, tessuti vari e così via).
Una scelta che mette d’accordo le tasche e l’ambiente.

Non rinunciano alla tradizione i siciliani, che trascorreranno il Natale in famiglia, dove non mancherà il solito e ricco buffet tradizionale, al quale appunto non si può per niente rinunciare. Costi quel che costi.

Articolo pubblicato il 21 dicembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Prestiti sotto l’albero, Sicilia terza -
    Dopo Campania e Calabria, nell’Isola molti residenti costretti ad indebitarsi pur di onorare la festa più consumistica. Pensieri alle persone più vicine, viaggi, cenone: i costi corrono e spesso i risparmi non bastano
    (21 dicembre 2011)
  • Rischio incendio per alberi di Natale -
    Le luminarie devono essere a norma: un vademecum elaborato dall’Osservatorio sicurezza sul lavoro di Vega engineering. In commercio si trovano prodotti facilmente surriscaldabili che possono essere causa di inconvenienti
    (21 dicembre 2011)
  • Le vacanze di Natale dei politici siciliani -
    Relax casalingo, senza perdere d’occhio, però, gli impegni della politica per Raffaele Lombardo e Giovanni Avanti. Castiglione, presidente Upi: “Da 48 anni Natale a Bronte con i miei cari, tradizione a cui non rinuncio”
    (21 dicembre 2011)
  • Pizza, sarde a beccafico e pesche al vino -
    Le proposte del Qds alla vigilia della festività di fine anno, in cui le famiglie si riuniscono nella preghiera e nel convivio. Dal primo al dolce: tre ricette tradizionali, facili da preparare e che non fanno piangere il portafoglio
    (16 dicembre 2011)
  • Antichi mestieri rivivono nelle statuette per una tradizione molto radicata in Sicilia -
    Tanti e particolari i presepi che si possono ammirare in giro per la nostra regione da quelli fatti in casa a quelli viventi. Il più antico è quello di Custonaci, in provincia di Trapani, all’interno della grotta di Mangiapane
    (16 dicembre 2011)
  • Dai cantori “orbi” agli zampognari. La tradizione delle novene di Natale -
    Canti narrativi suddivisi in nove parti che raccontano le vicende della Natività: una tradizione che continua in Sicilia. Da Monreale ad Antillo, davanti alle edicole sacre appositamente addobbate, si celebra la nascita di Gesù
    (16 dicembre 2011)


comments powered by Disqus