Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Carburanti ‘11 nel segno dell’accisa. Fare il pieno è diventato un lusso
di Giuseppe Bellia

Dal governo Berlusconi a quello Monti, 12 mesi di stangate senza precedenti per gli automobilisti. Ultimi listini in Sicilia. Gasolio da incubo in Sicilia: superata la soglia 1,7 €/L

Tags: Carburante, Prezzi



PALERMO – Un anno che si ricorderà nella storia dei consumi e nel comparto petrolifero.
Il 2011 sta per passare in rassegna come l’anno della successione delle stangate a danno degli automobilisti.
Dalla Primavera araba, ai governi Monti e Berlusconi, in 12 mesi, il comparto dei carburanti in Italia non aveva mai subito così tanti ritocchi verso l’alto, fra costi indiretti (iva) e diretti (accisa). L’aggravante dei rincari è che questi hanno colpito un bene non di lusso: del carburante, fatta eccezione per una bassissima percentuale di casi, non si può fare a meno per la propria mobilità e quella altrui. L’ultima mazzata, in ordine di tempo, è quella del governo Monti, i cui effetti economici li produrrà principalmente a partire dal 2012: aumento dell’iva e delle accise. La prima aumenterà del 2%. Le seconde arriveranno a 704,20 euro per la benzina e 593,20 per il diesel (stima per mille litri). Secondo i dati del Codacons, l’aggravio annuo sarà pari 130 euro per il comparto verde e 150 per quello del gasolio.

Il prezzo del petrolio stazionario. Da tempo la quotazione è ferma sui 100 dollari al barile (ieri 101,45).

Benzina

Prezzo medio nazionale (Pmn) secondo i dati Prezzibenzina.it di martedì scorso 1,676 €/L.
Nella forbice dei prezzi la differenza dei listini è giunta sino a 50 millesimi nel comparto. La compagnia petrolifera più cara fra quelle censite è stata la Tamoil (1,730 €).
Seguono Ip (1,721 €), Q8 (1,706 €), Esso (1,704 €), TotalErg (1,701 €).  La compagnia più economica, l’Eni, ha comunque fatto registrare un prezzo superiore al Pmn (1,679 €).
I livelli di prezzo registrati in Sicilia, al pari di quelli rilevati in Campania, sono stati i più cari.
In Piemonte, Lazio, Emilia Romagna, Veneto non si sono registrati, fra quelli monitorati, listini superiori all’euro e 7 centesimi.

Diesel

Pmn censito dalla stessa fonte e lo stesso giorno 1,649 €/L.
Ennesima e amara conferma per il costosissimo diesel isolano. Anche in questo rilevamento il più caro d’Italia. Il picco di prezzo (Tamoil 1,707 €) ha superato anche la soglia dell’euro e sette centesimi. Come si evince dal confronto (vedi tabella), la forbice di prezzo fra comparto benzina e quello diesel, nell’Isola, è pressoché minima.
Nella graduatoria dei prezzi, seguono Ip (1,696 €), Q8 (1,689 €), Esso (1,684 €), TotalErg (1,678 €). Anche nel comparto del gasolio, fra le compagnie censite, è l’Eni la più economica (1,657 €).
Prezziari molto convenienti alla pompa in Piemonte, Lombardia, Lazio ed Emilia - Romagna.
 

Articolo pubblicato il 29 dicembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus