Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Farmaci da ricetta: spesi più di 43 milioni
di Liliana Rosano

Ogni abitante dell’Isola in media ha speso nel 2011 per le ricette 8,57 € contro 5,76 € del cittadino lombardo. Da gennaio a settembre rispetto al 2010 quest’anno in Sicilia un incremento dell’1,8 per cento

Tags: Farmaci, Spesa Sanitaria



Palermo – Nel 2011 la Sicilia ha registrato un aumento dell’1,8 per cento sulle ricette farmaceutiche. È il dato rilevato dall’Agenas, Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, che ha pubblicato un recente Rapporto sulla spesa farmaceutica convenzionata relativa al periodo gennaio-settembre 2011. L’Isola, ha speso in tutto nel suddetto periodo, 43 milioni 290 mila euro per le ricette mediche. 
 
Un aumento rispetto ai 42 milioni 518 mila e 847 euro dell’anno precedente. L’Agenas ha anche calcolato il costo medio per ricetta sia lordo che netto. Nel primo caso si parla di 21,8 euro, mentre nel secondo caso di 17,2 euro. 
La Sicilia è la terza regione per la spesa convenzionata per ricette più alta. Al primo posto, la Regione Lombardia che nel 2011 ha speso 57.763.610 milioni di euro, con un aumento del 3,5 per cento rispetto al 2010. Ricordiamo però che la Lombardia ha quasi il doppio degli abitanti della Sicilia. A precedere la Sicilia è la Regione Lazio che invece ha speso 46.518.963 milioni di euro.
 
La Regione siciliana, ha speso cosi nel 2011, 8,57 euro per cittadino per quanto riguarda il costo delle ricette nella spesa farmaceutica convenzionata, considerando che il numero degli abitanti è di 5 048 741. Da un confronto con la Lombardia emerge che quest’ultima avrebbe speso 5,79 euro per abitante (gli abitanti della Lombardia sono 9 963 484).
 
In generale, lungo tutto o Stivale si parla di un leggero aumento del numero di Ricette :  +0,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con picchi nella regione Basilicata (+6,0%) e nella P.A. di Bolzano (+4,0%) e nella P.A. di Trento (3,8%). Tra le Regioni troviamo anche trend negativi come in Campania (-8,1%), in Puglia (-6,1%) e Calabria (-1,2%). Si tratta delle Regioni interessate da piani  di rientro che hanno adottato misure forti di contenimento della spesa tra le quali l'aumento e la rimodulazione del ticket.

Articolo pubblicato il 30 dicembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus