Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Beni culturali a rischio sbriciolamento
di Giacomo Tabita

Beni culturali. Fondi solo dal Po Fesr ma sono insufficienti.
Crolli. Dopo Pompei, negli ultimi giorni  si sono susseguiti nuovi crolli al Colosseo e a Palazzo della Regione a Verona. Anche in Sicilia la situazione è drammatica ma non ci sono risorse disponibili.
Senza copertura. A Me sono stati ritenuti non ammissibili i finanziamenti per il recupero di due importanti monumenti: Castel Gonzaga e la Real Cittadella; stessa situazione per il Parco Eloro a Siracusa

Tags: Beni Culturali, Incuria, Crolli



Da Pompei al Colosseo passando da Palazzo della Ragione a Verona e alla casa di Giulietta. I beni culturali italiani si stanno letteralmente sbriciolando ma i fondi sono insufficienti per metterli in sicurezza.
Il quadro non cambia nella nostra Isola, dove, a fronte di quasi 200 milioni spesi per il personale facente capo all’assessorato Beni culturali (dirigenti, custodi, impiegati vari), restano solo le briciole per gli interventi di manutenzione e restauro (nel rendiconto 2010 sono stati resi disponibili solo 33 milioni per gli investimenti), sperando che non restino briciole dei nostri monumenti che ancora oggi, in una regione che basa gran parte del suo Pil sul turismo,sono una risorsa imprescindibile per l’economia isolana. (continua)

Articolo pubblicato il 31 dicembre 2011 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐