Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Fotovoltaico alla Cittadella universitaria di Catania
di Melania Tanteri

Completato l’allacciamento alla rete di distibuzione sulle coperture di impianti sportivi. Catania, ora si attende la copertura del 20% dell’intero consumo

Tags: Energia, Eolico, Fotovoltaico, Rinnovabili



2 MegaWatt di energia. È quanto producono gli impianti fotovoltaici della Cittadella universitaria di Catania con il recentissimo allacciamento alla rete di distribuzione da parte di Enel di altri due generatori posizionati sulle coperture degli impianti del Cus.
Un grande parco fotovoltaico, dunque, è stato realizzato dall’Università etnea, in partnership con Cofely Italia; un traguardo davvero importante per qualsiasi struttura pubblica: a regime, è infatti attesa dal complesso degli impianti della Cittadella, una producibilità di energia “sostenibile” pari al 20 per cento del consumo totale annuo di energia dell’intero Ateneo ed equivalente al consumo medio di 800 famiglie, con un taglio di emissioni nell’atmosfera di circa 1400 tonnellate di anidride carbonica annue.

I tetti degli edifici di facoltà e dipartimenti, compresi gli spazi destinati al parcheggio nell’area della Cittadella, sono dunque diventati autoproduttori di energia da fonti rinnovabili, mostrando una cultura amministrativa e manageriale che tiene nella dovuta considerazione il risparmio energetico e il rispetto dell’ambiente, razionalizzando i consumi e migliorando l’efficienza del cospicuo e diversificato patrimonio edilizio universitario. Con l’ultimazione degli interventi di efficienza energetica, l’Ateneo potrà puntare ad un risparmio energetico complessivo stimato in oltre 5 milioni e 600 mila kW all'anno.
Il progetto di efficientamento energetico avviato dall’Università etnea, contempla i servizi di fornitura dell'energia elettrica, l’ottimizzazione energetica e la manutenzione impiantistica: una vera e propria “scommessa verde” che l’Ateneo sembra vicino a vincere.
Un progetto di ampio respiro, che ha oltretutto fatto guadagnare all’amministrazione universitaria due prestigiosi riconoscimenti nazionali: nel 2010, nell'ambito del 10° Italian Energy Summit del Sole 24 Ore, l’Ateneo è stato insignito del premio Cofely per l'Efficienza energetica e ambientale nella pubblica amministrazione e, nel maggio scorso, durante il Forum nazionale per la Pubblica Amministrazione, l’Università etnea ha ottenuto il premio "Best Practice Patrimoni Pubblici 2011", che segnala all'attenzione nazionale le migliori prassi in tema di valorizzazione dei patrimoni pubblici e dell'aumento di efficienza nella loro gestione.

Articolo pubblicato il 05 gennaio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐