Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Raffinerie, resta solo l'inquinamento
di Rosario Battiato

Energia. L’Isola degli idrocarburi.
La realtà. Il sistema della raffinazione di petrolio è in crisi, In Sicilia sono presenti cinque impianti dove si lavora oltre il 40% del greggio che circola in Italia. Pesanti le conseguenze.
La caduta. I massicci investimenti fanno diminuire la forza lavoro. Dopo sessant’anni sta per cadere il motivo per cui i siciliani hanno accettato lo scempio del proprio territorio: il lavoro.

Tags: Inquinamento, Ambiente, Energia, Petrolio, Raffinerie



PALERMO – C'è tutto un sistema energetico da ripensare. Per un Isola abituata da decenni ad essere cuore e vittima del petrolio, adesso è ora di cambiare. E non si tratta soltanto dei danni ambientali e sanitari, tradotti anche in salatissimi costi economici, ma di una pluralità di fattori. In prima linea ci sono la crisi occupazionale e le richieste dell'Ue in termini di riduzione delle emissioni e della copertura dei consumi di energia da fonte rinnovabile. Di recente è stato approvato il decreto Burden sharing che prevede la ripartizione tra Regioni e Province Autonome dell’obbligo nazionale di sostituzione delle fonti fossili con FER (Fonti energetiche rinnovabili) per raggiungere il 17% al 2020.
L'aria di crisi che si è respirata nei giorni scorsi agli stabilimenti Erg-Lukoil di Priolo ha sancito, probabilmente, l'ingresso nell'ultima era del sistema petrolio in Sicilia. Già nel lontano febbraio del 2010 De Vita, presidente dell'Unione Petrolifera, aveva ammesso il rischio chiusura per 5 raffinerie nazionali, che avrebbe trascinato nel baratro circa 7.500 addetti. Lo scorso novembre Augusto Pascucci, leader della Uilcem (Unione Italiana Lavoratori Chimica Energia Manifatturiero) ha ribadito come senza una riconversione verde nei prossimi anni saranno a rischio tutte le 16 raffinerie d'Italia per circa 40 mila occupati. Insomma la crisi c'è e si vede in tutto il sistema petrolio: produzione e raffinazione. E la Sicilia, vista l'incidenza degli idrocarburi nei conti regionali, potrebbe farne drammaticamente le spese.

Articolo pubblicato il 11 gennaio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐