Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ecco come fare in modo corretto la raccolta differenziata dei rifiuti
di Stefano Di Mauro

Mai buttare ceramica e pirex nei contenitori per la raccolta del vetro

Tags: Raccolta Differenziata, Rifiuti



CATANIA - Oggi si parla tanto di raccolta differenziata, sulla sua enorme utilità per l’ambiente, sulla necessità che tutti i comuni si adoperino per farla. In effetti un po’ tutti noi cerchiamo di adoperarci per contribuire affinché venga fatta nel modo corretto. Ma il vero problema di tutti noi è come differenziarla correttamente.

Fare degli errori è molto più facile di quanto possa sembrare; il che compromette seriamente il riutilizzo delle sostanze scartate.
Ecco i principali errori:
Vetro: mai buttare ceramica e pirex nel contenitori per la raccolta del vetro. Al momento del riciclaggio i detector non riconoscono le particelle di ceramica e quando il vetro viene triturato e compresso, così come la ceramica, tali particelle vengono inglobate nelle nuove bottiglie, nei nuovi barattoli. Però queste bottiglie, che contengono particelle differenti dal vetro, possono scoppiare: quindi sono a rischio. Non bisogna buttare tra i vetri gli specchi. Inoltre, prima di gettare qualsiasi contenitore in vetro bisogna ricordarsi di sciacquarlo. Non preoccuparsi di eventuali etichette che verranno eliminate durante la fase di riciclo.

Carta: non buttate gli scontrini, che sono fatti con carta termica, ovvero i cartoni sporchi con avanzi di cibo (per esempio i cartoni delle pizze) nel contenitore della carta: i residui di cibo fermentano e rendono inutilizzabile l’intero scarto. Per lo stesso motivo non vanno buttati nella “carta”: bicchieri di carta usati; carta oleata; (rifiuti domestici); carta plastificata (carta degli insaccati etc, rifiuti domestici); carta unta (organico); fazzoletti e tovaglioli usati (organico); sacchetti per cemento (isola ecologica);  tetrapak (rifiuti domestici se non esplicitamente richiesto dal vostro comune). Inoltre, prima di gettare la carta nell’apposito contenitore ricordarsi di togliere da giornali, riviste e depliants gli involucri di cellophane, di togliere la finestrella di plastica dalle buste da lettera e di schiacciate le scatole di cartone e cartoncino.

Plastica: giocattoli, articoli per la casa, articoli di cancelleria, da ferramenta e giardinaggio, piccoli elettrodomestici, qualsiasi oggetto in plastica o con parti in plastica, viene erroneamente buttato nella raccolta differenziata; ma, ad esempio, una bambola o un gioco in generale, è prodotta con differenti polimeri, non riciclabili. Lo stesso vale per il vaso o la penna sfera, anche se privata del refill. Non va buttata nella “plastica” il polistirolo (va nei rifiuti domestici).

Metalli: le lampadine, i piccoli elettrodomestici, i cellulari vanno portati, per smaltirli, alle “isole ecologiche”.

Bastano dunque piccoli accorgimenti per salvaguardare il nostro ambiente.

Articolo pubblicato il 03 febbraio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐