Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Regione "uccide" le imprese
di Liliana Rosano

Debiti Pa. Leggi regionali, ma non un centesimo alle imprese.
Sette. Sette è il numero della direttiva comunitaria (n. 7/2011) che ha stabilito in 30 giorni i termini di pagamento e inasprito le sanzioni per i ritardi, sette il numero della nuova Legge regionale (n. 7/2012).
Applicazione. Se alla legge regionale non seguono i decreti assessoriali e le convenzioni previste, in primis con l’Agenzia Entrate, essa rimane solo carta che non risolleva le imprese.

Tags: Pubblica Amministrazione, Gaetano Armao, Regione Siciliana, Pagamenti



Due leggi regionali in tre anni, la Lr n. 6/2009 e la Lr n. 7/2012, quest’ultima con lo stesso numero della nuova direttiva comunitaria sul ritardo dei pagamenti della Pa (n. 7/2011), ma non risolvono il problema. Sì perchè nemmeno un soldo è arrivato in tempo alle imprese siciliane rispetto alle forniture che hanno garantito alla Pubblica amministrazione.
La direttiva Ue 7/2011 prevede 30 giorni di tempo per pagare, qui in Sicilia ne passano anche 400 per le imprese senza ricevere un soldo. E se la Lr 6/09 aveva fatto sperare con la certificazione dei crediti e le convenzioni con le banche, di uscire fuori dall’impasse, si è rivelata una presa in giro in attesa dei decreti attuativi. In più l’assessore all’Economia non ha mai stipulato la convenzione con le Entrate che avrebbe consentito di compensare i crediti con le imposte regionali. (continua)

Articolo pubblicato il 11 febbraio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐