Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Migliaia di informazioni sconosciute ai più
di Dario Raffaele

Il primo obiettivo del Piano paesisitico è quello della conoscenza. Gli 829 borghi sono divisi in diciassette macroaree



PALERMO - “Il primo obiettivo del Piano paesistico è quello della conoscenza. Ciò che non si conosce non si tutela e non si valorizza”.
Queste erano le parole di Michele Buffa, dirigente responsabile dell’ufficio Piano paesistico regionale, che ci disse in una precedente inchiesta a proposito del capillare lavoro fatto dal suo staff per censire tutto ciò che ricade sul territorio siciliano. Nel sistema antropico e in particolare nel sottosistema insediativo sono stati censiti non solo gli 829 centri storici della Sicilia, ma più in particolare ogni singolo elemento che li costituisce: abbeveratoi, bagli, cave, castelli, chiese, cortili, fari, mulini, palazzine, torri e quant’altro.

Ognuno di questi elementi è stato localizzato con il gps, ne sono state tracciate le coordinate, sono state fatte delle fotografie e ne è stato riconosciuto un valore culturale e intrinseco (propensione al degrado, precarietà strutturale, pressione cui è sottoposto, criticità cui è soggetto).
Queste le 17 macroaree in cui sono suddivisi i borghi:
1) Area dei rilievi del trapanese;
2) Area della pianura costiera occidentale;
3) Area delle colline del trapanese;
4) Area dei rilievi e delle pianure costiere del palermitano;
5) Area dei rilievi dei monti Sicani;
6) Area dei rilievi di Lercara, Cerda e Caltavuturo;
7) Area della catena settentrionale (Monti delle Madonie);
8) Area della catena settentrionale (Monti Nebrodi);
9) Area della catena settentrionale (Monti Peloritani);
10) Area delle colline della Sicilia centro-meridionale;
11) Area delle colline di Mazzarino e Piazza Armerina;
12) Area delle colline dell’ennese;
13) Area del cono vulcanico etneo;
14) Area della pianura alluvionale catanese;
15) Area delle pianure costiere di Licata e Gela;
16) Area delle colline di Caltagirone e Vittoria;
17) Area dei rilievi e del tavolato ibleo.

Articolo pubblicato il 23 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • I borghi dimenticati dalla Regione -
    Turismo. La Sicilia “dimenticata” e sconosciuta ai turisti.
    Risorse non valorizzate. In gran parte degli 829 piccoli centri si possono vedere palazzi diroccati, strade sconnesse, mancanza di qualsiasi tipo di attività commerciale o tipica artigianale.
    L’assessore Strano. “Senza un recupero capillare del territorio e successivamente della memoria antropologica non può esserci ripresa ed è su questo che lavoreremo”.
    (23 luglio 2009)
  • Piano Paesistico. Strumento di pianificazione inutilizzato - (23 luglio 2009)
  • Migliaia di informazioni sconosciute ai più -
    Il primo obiettivo del Piano paesisitico è quello della conoscenza. Gli 829 borghi sono divisi in diciassette macroaree
    (23 luglio 2009)
  • Recuperare il territorio e subito dopo le strutture -
    Intervista con il neo assessore regionale al Turismo Nino Strano. Tra le carte vincenti su cui puntare, i percorsi enogastronomici
    (23 luglio 2009)


comments powered by Disqus
Sperlinga
Sperlinga