Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Brava Prestigiacomo resisti con forza
di Carlo Alberto Tregua

Decreto anti-crisi e anti-ambiente

Tags: Stefania Prestigiacomo, Ambiente, Decreto, Crisi



Il fatto: nel decreto anti-crisi, è stato approvato in via provvisoria l’art. 4 che “sopprime di fatto il ruolo del ministero dell’Ambiente nel delicato iter amministrativo per la realizzazione di centrali di produzione e per le reti di distribuzione dell’energia ed esautora ogni ruolo degli enti locali”. Che vi sia necessità di snellire le procedure e di utilizzare dei sistemi che impediscano cavalli di Frisia non c’è dubbio, ma che dietro l’esigenza della semplificazione si nascondano interessi che colpiscono l’ambiente con un aumento (piuttosto che una diminuzione) del tasso di inquinamento, è una furbata assolutamente inaccettabile.
Sostiene il ministro per l’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, che la norma prima riportata potrebbe applicarsi anche alle centrali nucleari, il che fa nascere il sospetto che vi siano dei gruppi di pressione che hanno l’interesse di evitare i controlli e le autorizzazioni del ministero per l’Ambiente.

Non vorremmo che la giusta questione dell’energia nucleare, la cui valutazione tarda da 17 anni (infatti poteva essere rimessa all’ordine del giorno 5 anni dopo il referendum del 1987) si rivelasse anch’essa una porcata com’è stata la vicenda Alitalia. Berlusconi, per favorire la cordata di Colaninno e Sabelli, che guidano la Cai (Compagnia aerea italiana) anziché cedere il carrozzone all’Air France a costo zero (anzi ricavandone 300 milioni) ha messo sul groppone degli italiani una perdita già stimata in circa 3,3 miliardi di euro.
La questione del nucleare deve essere portata alla pubblica opinione in modo trasparente, soprattutto per quanto riguarda il costo degli impianti, che non deve discostarsi da quello degli stessi impianti che sono in costruzione in Francia da parte di Edf (il cinquantanovesimo) in Slovacchia, da parte di Enel, in Cina e in altri paesi europei. Naturalmente, a questo punto, si può trasformare lo svantaggio di ultimi arrivati in vantaggio perché può essere usata la tecnologia di quarta generazione.
 
Il ministero per l’Ambiente, deve vigilare che tutte le procedure abbiano la validazione della Via (Valutazione di impatto ambientale) e della Vas (Valutazione ambientale strategica), oltreché la conformità alle tecnologie più avanzate.
La questione delle procedure, in Italia, è fondamentale, perché la loro farraginosità è stato il freno a mano tirato che ha impedito di procedere con la necessaria sveltezza e rapidità. Non solo, ma dietro il freno si è nascosta e continua a nascondersi la corruzione, perché quelli che hanno bisogno delle autorizzazioni, continuamente ritardate, esasperati, mettono mano al portafogli e distribuiscono tangenti. I burocrati corrotti non aspettano che questo gesto. Di proposito rallentano e fermano l’iter delle autorizzazioni. Tutto questo, come ben si comprende, è fortemente dannoso per lo sviluppo.
Il meccanismo, a conoscenza di tutti, è molto più esteso nella pubblica amministrazione delle regioni meridionali, che della corruzione hanno fatto una bandiera, di cui dovrebbero vergognarsi.

Sulla questione posta dalla Prestigiacomo si sono levate poche voci fra cui quella del sottosegretario Gianfranco Miccichè e del vice presidente dell’antimafia Fabio Granata. Silenzio da parte dei capigruppo del Pdl e della Lega che, evidentemente, sanno quello che c’è dietro l’estromissione del ministero per l’Ambiente sulle autorizzazioni relative alle centrali di produzione di energia.
Non abbiamo neanche sentito i capigruppo di Camera e Senato del Mpa, Lo Monte e Pistorio, che farebbero bene a occuparsi della questione anche nella logica di diminuire la produzione di energia in Sicilia e di commutare quella prodotta con olio combustibile, utilizzando materie prime molto meno inquinanti, come gas, bio carburante e altri.
L’autonomia in Sicilia significa la tutela dell’ambiente dell’Isola e, in questa direzione, deve indirizzarsi l’azione del ministro siracusano, che non può dimenticarsi il territorio da cui proviene. Nel quale purtroppo insiste il Triangolo della morte (Priolo, Melilli, Augusta).

Articolo pubblicato il 24 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐