Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Frutta secca contro lÂ’invecchiamento precoce
di Stefano Di Mauro

Il consumo quotidiano di carne rossa aumenta i rischi di morte prematura

Tags: Frutta Secca



CATANIA - Per mantenersi in buona salute e vivere a lungo è meglio prediligere il consumo di frutta (anche secca), verdura e carni bianche, limitando invece quelle rosse. Secondo una ricerca dell’Università di Harvard, infatti, il consumo quotidiano di carne rossa aumenterebbe di oltre il 20% il rischio di una morte prematura per problemi cardiaci o cancro.

I ricercatori individuano come alimenti adatti ad abbassare il rischio la frutta secca, il pesce e la carne bianca. La ricerca, che ha coinvolto oltre 120.000 pazienti dell’Università di Harvard, avrebbe “ornito prove evidenti che il consumo regolare di carne rossa, specialmente se trattata (wurstel o bacon che contengono aggiunte di grassi saturi, sodio e nitrati) contribuisce sostanzialmente alla morte prematura”, come ha dichiarato Frank Hu, coordinato dello studio.

I ricercatori hanno analizzato le abitudini alimentari di 37.698 uomini per 22 anni e di 83.644 per 28 anni. I soggetti ogni 4 anni hanno risposto ad un questionario su cosa mangiavano e il rischio di morire di cancro e infarto è risultato maggiore del 13% in coloro che avevano assunto una porzione di carne rossa delle dimensione di “un mazzo di carte” rispetto al resto del campione. Percentuale che saliva al 20% in caso di carne lavorata. Se, invece, la carne rossa veniva sostituita dalla frutta secca (ricca di grassi insaturi come gli Omega 3) il rischio di mortalità precoce scendeva del 19%, del 15% in caso di consumo di pollame e del 7% per il pesce.

Ma quali sono le proprietà della frutta secca? Le mandorle sono molto nutrienti, ricche di proteine, sali minerali, fibre, ferro e grassi. Consumate regolarmente aiutano a combattere l’anemia e mantenere capelli sani, pelle elastica e basso il livello di colesterolo.

I pistacchi (quelli freschi, non salati) sono ricchi di fitosteroli, vitamina E, ferro e potassio. Sono perciò utili per abbassare il colesterolo cattivo e migliorare la circolazione, mantenere la pelle sana, combattere l’anemia e la ritenzione idrica.
Le nocciole sono ricche di grassi, tra cui omega 6 e omega 3, vitamina E, selenio e flavonoidi. Svolgono un’azione antinfiammatoria e antivirale e aiutano a prevenire l’insorgenza di malattie cardio-vascolari, abbassare il colesterolo, previene l’invecchiamento cellulare.
 
Anche le noci sono ricche di omega 3, omega 6, rame, selenio e proteine. Sono utili per abbassare il colesterolo e ridurre i rischi di malattie cardiache , svolgono un’azione antiossidante e aiutano a recuperare il tono muscolare.
Infine i pinoli sono ricchi di calcio, vitamine (soprattutto la A) e grassi. Sono molto nutrienti, ideali per chi consuma poca carne e poco pesce, per i bambini durante la crescita e per le donne in gravidanza.

Articolo pubblicato il 16 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus