Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Dal primo aprile nuove regole compensazione crediti Iva
di Redazione

L’Agenzia delle Entrate ha adottato un provvedimento sulle novità introdotte con il decreto semplificazioni. Per importi superiori a 5 mila € potrà essere effettuata a partire da giorno sedici del mese

Tags: Iva, Agenzia Delle Entrate



Conto alla rovescia per lo stop alle vecchie regole per la compensazione Iva: le nuove regole entreranno in vigore a partire dal 1° aprile 2012.
A ricordarlo è l’Agenzia delle Entrate, con un provvedimento sulle le nuove regole sull’utilizzo dei crediti Iva introdotte in fase di emanazione dal Decreto Semplificazioni.
Più in particolare si fa riferimento all’articolo 8, commi 18 e 19, del Dl n. 16/2012 pubblicato nella G.U. n.52 del 02/03/2012 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento”.

Vecchie regole
Fino al 31 marzo 2012, i contribuenti potranno continuare a compensare il credito Iva, fino al limite di 10 mila euro annui, senza aver necessariamente già presentato la dichiarazione o l’istanza da cui il credito emerge.

Nuove regole e decorrenza
Dal 1° aprile 2012, invece, la compensazione di importi annui superiori ai 5 mila euro potrà essere effettuata a partire dal giorno sedici del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione, o dell’istanza, da cui il credito emerge. Questa regola vale sia per la compensazione del credito annuale sia per quello relativo a periodi inferiori all’anno. Ad esempio, se nell’anno d’imposta 2011 il contribuente ha maturato un credito annuale di 6 mila euro, presentando la relativa dichiarazione annuale da oggi ed entro il 31 marzo 2012, lo stesso potrà utilizzare per intero il credito Iva a partire dal successivo 16 aprile 2012.

Articolo pubblicato il 18 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus