Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Cantieri bloccati, scoppia il precariato
di Michele Giuliano

Lavoro. Bilanci appesantiti dalle stabilizzazioni.
Patto di stabilità. Corte dei conti: “Gli enti pubblici possono assumere solo rispettando a priori il Patto di stabilità e il tetto di spesa del personale”, di fatto nulla la Legge regionale 24 del 2010.
Naturale sfogo. Il personale dei Comuni sovradimensionato. I 205.000 precari siciliani potrebbero trovare occupazione stabile nelle migliaia di cantieri ancora chiusi o bloccati in giro per l’Isola.

Tags: Lavoro, Precari, Corte Dei Conti, Patto Di Stabilità



Sicilia regina di un mercato del lavoro precarizzato. L’Annuario Statistico pubblicato da Regione e Istat ha dato della Sicilia uno spaccato probabilmente ancor più preoccupante rispetto a quello già conosciuto.
Nel 2010, ultimo anno censito, risultano esserci ben 204.780 occupati dipendenti a tempo determinato, una quota che sfiora il 10 per cento del totale in Italia. Neanche a dirlo ad incidere maggiormente su questo numero così alto di precari è senza ombra di dubbio il numero di lavoratori inseriti all’interno delle pubbliche amministrazioni. Tra Regione, Stato, Comuni e Province, Asp, Cooperative e Ato rifiuti, nell’Isola si ingrossa sempre di più il numero degli occupati nel settore dei “servizi”. Un settore peraltro già abbondantemente coperto, praticamente saturo. (continua)

Articolo pubblicato il 23 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐