Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Corti d’appello: 10mila reati contro la Pa
di Patrizia Penna

Reati contro Pa. I dati dalle Corti d’Appello siciliane.
La Sicilia del malaffare. Nella nostra regione si respira un clima di diffusa illegalità. Occorre promuovere una rigenerazione morale che non può prescindere da una nuova idea di etica pubblica.
Corruzione. “Tassa occulta, che frena gli investimenti esteri, distorce i mercati, umilia il merito e calpesta la cittadinanza”. Ma la logica del “tanto non cambia nulla” è peggiore del male stesso.

Tags: Salvatore Cardinale, Vincenzo Oliveri, Niccolò Fazio, Alfio Scuto



Sono più di cento i reati di corruzione commessi nella nostra regione tra luglio 2010 e giugno 2011. Nel solo distretto di Palermo 147 i casi di peculato (127 in quello etneo). Solo una piccola parte del quadro desolante di diffusa illegalità che emerge dai dati dettagliati, che ci hanno fornito le quattro Corti d’Appello siciliane (Palermo, Catania, Messina e Caltanissetta) a proposito di reati contro la Pubblica amministrazione in Sicilia.
Nell’inchiesta del 20 maggio 2011 il QdS scriveva “Quasi 5 mila reati contro la Pa siciliana, mille in più in soli due anni”. Adesso ne abbiamo contati quasi diecimila, 9.784 per la precisione, di cui 3.044 nel distretto di Palermo, 3.257 a Catania, 2.692 a Messina e 791 a Caltanissetta, per un aumento complessivo del 19,5 per cento, con picchi del 32 per cento a Messina e 35 per cento a Caltanissetta. (continua)

Articolo pubblicato il 28 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus