Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nella finanziaria proroga dei precari
di Raffaella Pessina

La compartecipazione alla spesa sanitaria resta al 49%, non 44%. Approvati i primi cinque articoli, tra cui 45 mln alle Province

Tags: Regione Siciliana, Ars, Raffaele Lombardo, Precari, Lavoro



PALERMO - Sono stati aggiornati a questa mattina i lavori d’Aula a Palazzo dei Normanni per l’approvazione della finanziaria regionale. Nella mattinata di ieri il Parlamento aveva cominciato l’esame degli articoli del documento, approvandone alcuni : il n. 3, sul finanziamento della spesa sanitaria. L’articolo è stato sostituito da un emendamento del governo approvato dall’Aula che stabilisce la compartecipazione per la spesa sanitaria da parte della Regione nella percentuale del 49%, per rispettare gli impegni presi con il Governo centrale. Proteste da parte dell’opposizione che lamentava come in Commissione si fosse giunti ad un accordo sul 44% di partecipazione; l’art. n.4 riguarda il fondo destinato ai Comuni siciliani che per il 2012 sarà di 750 milioni di euro di cui 110 milioni destinati agli investimenti.

Alle Province andranno 45 milioni di euro di cui 10 per investimenti.
Approvato anche l’art. n. 5, che proroga con uno stanziamento di oltre 23 milioni di euro i contratti dei 750 precari della Protezione civile, e di quelli in servizio nei dipartimenti Acque e rifiuti e Territorio fino al prossimo 31 dicembre.

Alla finanziaria regionale, erano stati presentati dalle forze politiche oltre 600 emendamenti. La seduta non era cominciata nel migliore dei modi, con l’opposizione che nei propri interventi aveva aspramente criticato la approvazione di martedì sera del bilancio 2012 (“abbiamo approvato un bilancio di cui ci si deve vergognare” ha detto Vincenzo Vinciullo del Pdl) e ha stigmatizzato il comportamento del Governo che, come ha dichiarato il capogruppo del Pdl all’Ars Innocenzo Leontini, ha presentato un maxiemendamento alla finanziaria che è una sequela di prebende distribuite a tutte le associazioni. Leontini ha aggiunto che il documento non rispecchia gli impegni presi con i rappresentanti del movimento dei Forconi, ai quali erano stati promessi degli aiuti, e invece nella finanziaria sono previsti addirittura aumenti per il canone dell’acqua per usi agricoli.
Tornando al bilancio per il 2012 (25.922.584 migliaia di euro in termini di competenza ed in 23.382.408 migliaia di euro in termini di cassa) e al bilancio pluriennale (55.652.203 migliaia di euro il totale generale dell’entrata ed il totale generale della spesa), essi verranno definitivamente approvati con la votazione finale prevista insieme con il voto sulla finanziaria.

Al bilancio è allegala la tabella B (ex tabella H) alla quale sono state apportate delle modifiche con emendamenti approvati in Aula. In particolare sono stati approvati stanziamenti di 300 mila euro per l’Ente Autonomo Teatro di Messina e l’orchestra Teatro Vittorio Emanuele di Messina. 100.000 euro  in più (erano stanziati già 2 milioni 689 mila euro) per spese dirette ad incrementare il movimento turistico verso la regione ed il turismo interno. 120 mila euro anche per il Centro studi Giulio Pastore di Agrigento.

Nel corso della seduta di martedì è stato anche approvato il bilancio interno dell’Assemblea regionale siciliana, che riporta una previsione di spesa (corrente 167,5 mln e in conto capitale 7,7 mln) per il 2012 di 175.213.320 euro, con una riduzione di 1 milione e mezzo rispetto al 2011. Al momento dell’approvazione del documento contabile erano presenti in Aula nove deputati. Ha espresso voto contrario Franco Mineo, di Grande Sud.

Articolo pubblicato il 29 marzo 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Raffaele Lombardo
Raffaele Lombardo