Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Autostrada Siracusa-Gela, dall’Ue 196 mln al Cas per il nuovo tratto Rosolini-Modica
di Redazione

Il commissario europeo per la Politica regionale, Johannes Hahn, ha confermato la decisione: “Opera fondamentale”. In esercizio 40 chilometri, la realizzazione riguarda ulteriori 20. Altri 142 mln da fondi pubblici

Tags: Johannes Hahn, Infrastrutture, Unione Europea



Roma - Il commissario europeo per la Politica regionale, Johannes Hahn ha confermato ieri la decisione della Commissione di destinare 196,8 milioni di euro all’Italia per completare un’altra tratta dell’autostrada Siracusa-Gela, un’arteria di importanza vitale per la Sicilia meridionale. Questa sovvenzione proviene dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr).

“Questo progetto è un ulteriore esempio positivo del valore aggiunto dell’Ue sul campo: la nuova tratta autostradale contribuirà a migliorare le condizioni di vita della popolazione, abbattendo drasticamente i tempi di percorrenza e aumentando la competitività della Regione”, ha detto il commissario Hahn commentando la decisione.

Come si sa, un tracciato di 40 chilometri dell’autostrada è già operativo tra Siracusa e Rosolini. Il progetto consiste nella costruzione di altri 19,8 km tra Rosolini e Modica. L’obiettivo è di: migliorare i collegamenti nella parte meridionale dell’isola; ridurre i tempi di percorrenza, risolvere il problema della congestione dovuta al traffico di transito attraverso le aree urbane locali e ridurre altri costi esterni; completare l’anello autostradale attorno alla Sicilia.

L’Ue contribuirà con 196,8 milioni di euro su un costo totale pari a 339,7 milioni. Il beneficiario del progetto è il Consorzio per le autostrade siciliane (Cas), concessionario della rete autostradale, sotto il controllo della Regione siciliana.
L’investimento deriva dal programma Fesr destinato alla Sicilia per il periodo 2007-2013. Sotto la priorità “reti di trasporto e mobilità”, l’Ue sostiene l’ampio piano regionale di migliorare la mobilità e l’accesso a beni, con il dovuto rispetto per l’ambiente.
 
I cosiddetti “grandi progetti”, cioè quelli il cui finanziamento pubblico totale supera i 50 milioni di euro, sono oggetto di una decisione specifica da parte della Commissione europea (altri tipi di progetti vengono invece approvati a livello nazionale e regionale).

Articolo pubblicato il 11 aprile 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus