Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia č su Twittergoogle qds rss qds

Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Direttore Carlo Alberto Tregua



Addio al cartaceo, nuova era per l’Inps
di Francesco Sanfilippo

Forum con Francesco Paolo Bevilacqua, direttore Inps Palermo

Tags: Francesco Paolo Bevilacqua, Inps



I servizi offerti dall’Inps stanno migliorando rispetto al 2011?
“I servizi offerti dall’Inps sono sempre migliori rispetto al periodo precedente. Ciò è possibile grazie agli obiettivi che l’Istituto si pone di conseguire durante l’anno a 360 gradi come dimostra la nostra carta dei servizi. Ciò che è stato d’aiuto, da parte di tutti i governi che si sono succeduti in questi anni, è stata la particolare attenzione al conseguimento degli obiettivi posti. La legislazione ha portato a un maggiore coinvolgimento di tutti gli enti pubblici e privati nell’attività che ci riguarda. Per esempio, i patronati e i professionisti hanno contribuito a realizzare le riforme. Inoltre, la telematizzazione dei servizi consente ai cittadini di approcciarsi all’Istituto con un sistema insostituibile. Infatti, dal 1° aprile si è chiusa l’era cartacea per l’Inps, poiché tutte le richieste ci perverranno per canale telematico. Alle aziende sono stati forniti degli strumenti, come il cassetto previdenziale, che consentono di colloquiare con l’Istituto e di ricevere la risposta per via telematica”.

Il cittadino come può dialogare con voi?
“Il cittadino può interfacciarsi con noi attraverso il rilascio dei Pin on line che permette loro di potersi collegare anche da casa. Questo, tuttavia, dipende dal grado culturale delle persone che utilizzano gli strumenti informatici. Possono, comunque, rivolgersi ai patronati e ci si mette a loro disposizione se gli utenti hanno particolari difficoltà o esigenze”.

L’accorpamento dell’Inpdap e dell’Enpas con l’Inps, quali risultati sta producendo?
“É ancora presto per vedere dei risultati, poiché i tempi previsti sono lunghi per evitare possibili conflitti. Prima deve essere emanato dal consiglio dei ministri il decreto che darà 60 giorni di tempo per preparare i decreti attuativi, poi ci saranno altri 6 mesi per realizzare la fusione. Per ora, si cammina su binari paralleli”.

La loro piattaforma informatica si sta già adeguando alla vostra?
“Questo processo dovrà accadere, ma occorre valutare prima se le risorse a disposizione sono sufficienti per gestire gli impegni degli uni e degli altri. Poi, sarà necessaria un’uniformità di comportamento nei confronti dei cittadini. Infine, saranno unificate anche le procedure informatiche, ma occorrerà del tempo”.

Il personale non è diminuito in questi anni?
“Il personale è rimasto quantitativamente lo stesso, anche se chi va in pensione, non è sostituito. Il personale s’incrementa con la mobilità interna, attraverso quegli enti che hanno personale in esubero e il cui personale fa domanda per entrare all’Inps”.

Quanto personale contate a Palermo?
“A Palermo, l’Istituto provinciale conta circa 400 impiegati, mentre in tutta la Sicilia saranno operative 2.500 unità”.

Avete già attivato le Pec?
“Sì, ogni struttura ha la sua Pec e chi ne è dotato la usa. Inoltre, una nuova legge dello Stato impone di fare controlli sulle certificazioni, anche se le richieste vanno inoltrate dal cittadino all’ente pubblico che possiede i documenti”.  

Uno dei problemi più importanti era costituito dall’invalidità civile. Quali sono le ultime novità?
“Nel 2010, sia l’Inps sia l’Asp hanno avuto problemi a fare sinergia nelle commissioni, cosa che ha portato ad un allungamento dei tempi. L’obiettivo della nuova procedura è di attribuire all’Istituto l’ultima parola su tutte le pratiche e i verbali richiedono il visto dei nostri medici. In realtà, tocca ai nostri medici la responsabilità di decidere se il candidato è idoneo o no”.
 
L’Asp avrebbe dovuto lasciare le procedure d’invalidità all’Inps?
“Questo provvedimento ancora non c’è, anche se già sono state fatte delle convenzioni tra l’Inps e alcune regioni, ma non in Sicilia. In realtà, la situazione è molto più semplice di quanto possa sembrare, perché è sufficiente attribuire a un unico ente la responsabilità, evitando questa doppia convalida che allunga i tempi. A dire il vero, il sistema informatico dell’istituto che è stato messo a disposizione delle commissioni, consente di ridurre al minimo i tempi di percorso di questa procedura. Le provincie più piccole non riscontrano problemi al contrario delle 3 provincie più grandi. Se, però, i patronati e gli altri enti interessati facessero da filtro, i tempi sarebbero ancora più ridotti”.

Palermo resta un’agenzia complessa?
“Sì, poiché, all’interno dell’Istituto, ha un’agenzia interna che prevede una linea di prodotti e un coordinamento flussi che cura tutta l’area delle entrate. L’obiettivo di quest’organizzazione è di predisporre i nostri archivi in tempi ristretti in modo da dare risposte ai cittadini in termini di prestazioni. L’area flussi controlla i flussi finanziari provenienti dall’esterno sia assicurativi sia contributivi, mentre le agenzie interne hanno il compito di rendere la prestazione nel più breve tempo possibile”.
 


Curriculum Francesco Paolo Bevilacqua
 
Francesco Paolo Bevilacqua, è nato a Palermo nel 1947. Laureatosi in Economia presso l’Università degli Studi del capoluogo siciliano, nel 1967 è assunto dall’Inps, di cui diviene funzionario direttivo tre anni dopo. Nel 1972 svolge attività ispettiva presso la sede regionale dell’Inps. Nel 1973 è responsabile di diversi uffici dell’Inps di Palermo. Dirigente dal 1988, è stato direttore delle sedi di Enna, di Palermo Sud e di Sciacca. Ha diretto la sede Inps di Caltanissetta e quella di Trapani. Dal 1° ottobre 2010 dirige la sede di Palermo.

Articolo pubblicato il 13 aprile 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Francesco Paolo Bevilacqua, direttore Inps Palermo
Francesco Paolo Bevilacqua, direttore Inps Palermo


RSS© 2001 Ediservice S.r.l. - P.I. 01153210875 - Tutti i diritti riservati / Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Grafica Neri & Dodè / Hosting Impronte digitali