Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Nel pubblico impiego, figli e figliastri
di Stiben Mesa Paniagua

Sprechi. Contratti dei regionali i più cari d’Italia.
Aumenti. Nella finanziaria regionale 2012, approvata la scorsa settimana, nuovi aumenti, in barba all’operazione di contenimento dei costi e di tagli alla spesa pubblica intrapresa da Monti.
Collocamento in disponibilità. Il rimedio agli esuberi, inserito nella L. 183/11 del collocamento in disponibilità con l’80% dello stipendio, non è stato contemplato dal legislatore regionale.

Tags: Regione Siciliana, Dipendenti



I numeri parlano da soli, basta andare nel sito del Conto annuale dello Stato e analizzare i dati ultimi pubblicati, relativi al 2010. Nel pubblico impiego ci sono figli e figliastri. I regionali, infatti, usufruiscono di contratti da privilegiati. Lo Statuto speciale è, infatti, diventato una scusa per trattamenti di favore, tanto ci siamo noi cittadini a pagare sempre. Mentre un dipendente della Regione ha una retribuzione complessiva media di 45.177 €, un dipendente di Ente locale prende 29.832 € e un ministeriale ancora meno, 28.382 € l’anno.
In sostanza, un regionale guadagna il 37,2% più di un ministeriale e, come se ciò non bastasse, quest’anno la finanziaria regionale ha dato il via libera ai rinnovi contrattuali fino al 2% di aumento. Tutto ciò in contrasto con l’orientamento al contenimento della spesa. Della serie: Monti commissaria la spesa, la Regione, invece, si adopera per andare in fallimento. (continua)

Articolo pubblicato il 04 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus