Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds

Quotidiano di Sicilia

Direttore Carlo Alberto Tregua



Le imprese siciliane hanno "fame" di personale tecnico specializzato
di Stefano Di Mauro

Secondo Manpower è i più richiesti sono agenti di commercio e amministrativi con conoscenza Sap. Introvabili i direttori finanziari, gli area manager e gli specialisti di manutenzione

Tags: Lavoro, Disoccupazione, Manpower



PALERMO -  È in questi giorni in libreria “Genesi di una riforma. Il nuovo mercato del lavoro in Italia”, il libro di Stefano Scabbio, Presidente e Amministratore Delegato di ManpowerGroup Italia e Iberia che studia, analizza e riflette sulla riforma in fieri del mercato del lavoro. Il capitolo finale presenta lo studio di ManpowerGroup sulle professioni più richieste in ogni regione, per contribuire ad orientare soprattutto i giovani e a metterli in contatto con la domanda di lavoro.

Attraverso le statistiche elaborate da Manpower, per quanto riguarda gli inserimenti di personale in somministrazione e assunzione diretta da parte delle aziende per primo impiego, e da Experis, per quanto riguarda il personale professional, middle e top management, la regione Sicilia spicca per l’esigenza espressa dalle aziende di personale tecnico specializzato. Sono sempre richiesti ma si trovano facilmente Camerieri ai piani e Impiegati amministrativi; iniziano le difficoltà con gli Agenti di commercio e per reperire gli Impiegati amministrativi con conoscenza SAP; sono molto difficili da trovare gli Addetti macchine CNC e gli Ingegneri. Per quanto riguarda Experis, che ricerca persone ancora più skillate e manageriali e per questo motivo mai facili da reperire, i più richiesti in Sicilia sono i Direttori finanziari, gli Area manager, gli Specialisti di manutenzione e - per quanto riguarda l’Information technology - gli Application support.

Un dato importante da divulgare, se si considerano i dati sulle assunzioni emersi anche per questo trimestre nell’indagine di ManpowerGroup “Previsioni sull’Occupazione”. In Sicilia si assumerà ancora con prudenza ma rispetto ai primi mesi dell’anno l’occupazione tenderà a crescere nel secondo trimestre del 2012. Lo rivelano i datori di lavoro delle aziende siciliane coinvolte, ai quali è stato chiesto di dichiarare le variazioni in termini di occupazione previste nei propri organici nel periodo da aprile a giugno.
 
Sulla base delle loro risposte e a seguito degli aggiustamenti stagionali, la Previsione sull’Occupazione elaborata dall’indagine per la Sicilia si attesta infatti a -8%, facendo registrare un rafforzamento di 4 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e rimanendo invariata rispetto allo stesso periodo del 2011. Il dato emerso dall’inchiesta (-8%) significa che la percentuale dei datori di lavoro della regione che hanno espresso intenzione di assumere nuovo personale è minore della percentuale di quanti hanno invece previsto di ridurre il proprio organico.
Sebbene l’ottimismo degli imprenditori siciliani rimanga estremamente cauto, la Previsione risulta la migliore registrata da oltre sei mesi.

“La percentuale dei datori di lavoro intenzionati ad assumere personale in Sicilia, come di coloro che prospettano la tenuta dei propri organici nei prossimi tre mesi, tende verso un moderato rafforzamento da un trimestre all’altro. La Previsione continua a essere più debole rispetto al 2007 e all’inizio del 2008, ma è in miglioramento da due trimestri consecutivi, e quest’ultima rilevazione dei programmi di assunzione delle aziende può indicare che il mercato del lavoro sta recuperando stabilità e che gli imprenditori iniziano ad essere più fiduciosi.
 


L’approfondimento. Una campagna per valorizzare i talenti
 
Dala considerazione che in Italia il mercato del lavoro appare ancora governato da dinamiche che lasciano poco spazio all’emergere di abilità, impegno e competenze, nasce l’iniziativa lanciata da ManpowerGroup a favore del Talento, della sua valorizzazione nel lavoro e nella cultura sociale: il Manifesto per il Talento. “Merito, leadership, valori: sono questi i fattori che contraddistinguono il Talento. E con il Manifesto vogliamo sensibilizzare Istituzioni, Imprese e Cittadini sull’importanza di voltare pagina e tornare realmente a valorizzare i Talenti, riconoscerli e coltivarli, in ogni situazione essi tentino di esprimersi” sostiene Stefano Scabbio. “La nostra iniziativa vuole essere una scossa che smuova una realtà immobile, che risvegli in noi - genitori, professori, manager, politici e imprenditori - il coraggio di osare, scoprire, promuovere le abilità e i talenti delle persone che ci circondano. Insieme a tutti coloro che condivideranno i nostri valori sottoscrivendo il Manifesto per il Talento saremo promotori di una nuova cultura sociale e sostenitori di nuovi codici di comportamento meritocratici, etici ed egualitari che daranno vita a differenti dinamiche del mercato del lavoro e della società di domani”.

Articolo pubblicato il 05 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

RSS© 2001 Ediservice S.r.l. - P.I. 01153210875 - Tutti i diritti riservati / Coordinamento e aggiornamento Blu Media / Realizzazione Francesco Grasso / Grafica Neri & Dodè / Hosting Impronte digitali