Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

3 siciliani su 4 rifiutano il lavoro
di Dario Raffaele

Occupazione. Il lavoro che c’è ma in pochi sanno fare.
Posti vacanti. Nel 2011 sono rimasti scoperti in tutta Italia 116.950 posti di lavoro di cui 57.130 per il ridotto numero di candidati e 59.820 per l’inadeguatezza degli stessi.
Mestieri “difficili”. Il 76% dei disoccupati di Sud e Isole non è interessato a ricoprire i 57.130 posti considerati di più difficile reperimento sul mercato secondo il rapporto Excelsior Unioncamere 2011.

Tags: Lavoro, Disoccupazione



C’è fame di lavoro in Italia, ma poca voglia di “sporcarsi le mani”. In altri casi, quando c’è la buona volontà, mancano le competenze richieste. E’ così che nel 2011 quasi 120.000 posti di lavoro sono rimasti scoperti. Di questi, la metà per inadeguatezza del candidato, l’altra metà perché letteralmente “rifiutati”. E quello che più preoccupa è che in Sicilia, dove si registra il più alto tasso di disoccupazione giovanile, 3 su 4 si sono rifiutati di fare determinati mestieri richiesti dal mercato del lavoro (la percentuale dei “rifiuti” è più bassa del 25% nelle regioni del Centro e Nord Italia); tanti altri (uno su due) non possedevano le competenze per candidarsi. Sono risultati stucchevoli quelli emersi durante la presentazione del Rapporto Excelsior 2011 di Unioncamere. (continua)

Articolo pubblicato il 12 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus