Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Riscossione, inutile tassa da 43 milioni di euro
di Giuliana Gambuzza

Economia. Cattiva organizzazione causa di tanti sprechi.
Partecipata. La Serit è una partecipata della Regione per il 90% (per la restante parte di Equitalia). Vi lavorano circa 800 dipendenti e nel 2010 ha fatto registrare perdite d’esercizio per oltre 5 milioni di euro.
Esuberi. Dietro le scrivanie della Regione, al 31 dicembre 2010, sedevano 14.019 dipendenti in più che in Lombardia. Parte di loro potrebbero effettuare la riscossione facendo risparmiare sui costi del personale.

Tags: Riscossione, Serit, Equitalia



Sul fatto che le tasse siano una “cosa bellissima”, come tempo fa le ha battezzate (tra lo scalpore collettivo) l’ex ministro Padoa-Schioppa, non ci sono dubbi. I dubbi sorgono quando si scopre che le società che si occupano della loro riscossione si arricchiscono sulle spalle dei cittadini.
Sono state accusate un po’ di tutto: di non fornire adeguate informazioni, di ricorrere a metodi disumani, di commettere errori di calcolo. Ma soprattutto di strozzare i contribuenti – tutti, eccetto gli evasori – con l’aggio, il 9% calcolato su ogni cartella esattoriale che costituisce il compenso per le loro prestazioni. In ogni caso, in attesa della piena attuazione del Salva-Italia (che prevede l’introduzione del rimborso dei costi fissi risultanti dal bilancio certificato), l’Economia ha avviato uno studio per ridurre di due punti percentuali l’aggio. (continua)

Articolo pubblicato il 18 maggio 2012 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐