Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Regioni e Province: in otto hanno rispettato il patto
di Rosario Battiato

Intesa Stato-Regioni obbligava l’approvazione di leggi entro il 30 giugno. Toscana attenta: bonus massimo del 50% per ricostruire



ROMA – Aumenta il numero delle regioni che hanno approvato il Piano Casa Regionale, dopo che il 31 marzo scorso l’intesa Governo-Regioni aveva stabilito la redazione di leggi regionali per di recepimento del PC nazionale.
Al gruppo di testa composto da Piemonte, Veneto, Provincia autonoma di Bolzano, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Puglia, si è aggiunta anche la Lombardia che a metà luglio ha approvato il suo piano regionale.

Toscana in prima linea nella redazione di linee guida che pur favorendo l’edilizia non sconvolgono gli equilibri ambientali del territorio, dato il bonus massimo per ampliamento pari al 20% e l’obbligo di miglioramento dell’efficienza energetica  del 20%, nel caso di ampliamenti, e del 50% per le ricostruzioni. Positiva anche l’esperienza pugliese, piano approvato il 24 luglio, con il 20% massimo di ampliamento della cubatura facendo in modo “di tutelare e valorizzare l’ambiente e il paesaggio in funzione dello sviluppo, nella consapevolezza del grande valore strategico dei beni patrimoniali che la natura ha voluto regalare a questa regione”.

Accuse da Legambiente arrivano invece al piano lombardo, approvato a metà luglio, che prevede ampliamenti al 20% per privati e fino al 40% per l’edilizia pubblica, non stabilendo però nessuna area in cui sarà vietato realizzare gli interventi.
“La Sicilia ancora una volta rischia di perdere un’importante occasione di rilancio – ha spiegato Mimmo Fontana, presidente regionale di Legambiente – perché anziché prendere come esempio dei piani virtuosi come quelli della Regione Toscana sembra invece orientarsi sul modello lombardo, che ha una tipologia di sviluppo che male farebbe al nostro territorio”.
Tuttavia c’è ancora tempo in attesa dell’approvazione definitiva del piano.

Articolo pubblicato il 29 luglio 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA




Leggi tutti gli articoli sull'argomento
  • Casa, ddl con troppo cemento -
    Ambiente. I programmi costruttivi fra sviluppo e tutela.
    La situazione. Il governo nazionale ha varato nei giorni scorsi il “Piano Casa”, un programma che prevede la costruzione di nuovi alloggi. Le Regioni, a loro volta, sono chiamate ad approvare proprie leggi.
    In Sicilia. Nonostante la scadenza già superata, all’Ars giacciono due ddl, uno dei quali d’iniziativa governativa, subito bollati come “cementiferi”: i testi, infatti, prevedono un aumento spropositato delle cubature
    (29 luglio 2009)
  • Il dettaglio: delocalizzazione per abbattere mostri in aree protette - (29 luglio 2009)
  • Ambientalisti critici anche sull’uso della bioedilizia -
    In un dossier il confronto sulla materia, regione per regione. “Generico il vincolo sull’efficienza energetica degli edifici”
    (29 luglio 2009)
  • Regioni e Province: in otto hanno rispettato il patto -
    Intesa Stato-Regioni obbligava l’approvazione di leggi entro il 30 giugno. Toscana attenta: bonus massimo del 50% per ricostruire
    (29 luglio 2009)


comments powered by Disqus