Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia



Coco, diretto da Lee Unrick e Adrian Molina

di Francesco Torre

La Pixar si mostra pronta all'ennesima svolta concettuale realizzando un cartone animato per famiglie sulla morte



COCO
Regia di Lee Unrick e Adrian Molina
Usa 2017, 105’.
Distribuzione: Walt Disney.
 
Dopo aver esplorato il futuro intergalattico e post-umano con “Wall-E” e i sottili strati dell'inconscio con “Inside Out”, la Pixar con “Coco” si mostra pronta all'ennesima svolta concettuale, realizzando un cartone animato per famiglie sulla morte.
 
Niente di così spaventoso, comunque. Sì, c'è un omicidio e anche un incidente mortale, ma l'aldilà in “Coco” è un luogo caldo e frenetico, più comico che inquietante. L'intreccio prende l'avvio dal Giorno dei Morti della tradizione messicana, il momento cioè in cui le barriere tra la vita e la morte si spezzano e ai defunti è consentito il passaggio temporaneo nella terra dei viventi. Un giovane ragazzo di nome Miguel compie però il viaggio opposto, senza morire ovviamente ma trasportandosi in un mondo fantastico di spettri e scheletri, che ospitano feste favolose e concerti all'aperto.
 
Diretto da Lee Unrick e Adrian Molina (quest'ultimo messicano), il film nella tradizione Disney del XXI secolo presenta un mix di fascino e sensibilità, raccontando la storia di un giovane musicista talentuoso che vive in una famiglia che proibisce la musica. Il suo viaggio nell'aldilà diventa così anche un percorso di scavo familiare, fino al recupero della figura della bisnonna Coco, vero cuore della vicenda, da cui si dipanano temi di grande maturità ma che qui vengono narrati evitando i toni più cupi e con un tono più rassicurante che inquietante, come quelle filastrocche o ninne nanne che si cantano ai bambini e che a volte raccontano di abbandoni e omicidi.
 
Quanto alla parte tecnica, infine, il film risulta sfolgorante nonostante il set di colori diverso rispetto ai consueti prodotti Pixar. Alcuni dettagli, come le grinze della pelle o le parti ondulate dei metalli, raggiungono vette di verosimiglianza mai viste prima. Fresco vincitore del Golden Globe come Miglior Animazione dell'anno.
 
Voto: ☺☺☺☻☻

Articolo pubblicato il 12 gennaio 2018 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐