Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
Orizzonti euromediterranei di Patrizia Penna
il blog della Fondazione euromediterranea Luigi Umberto Tregua


Gen
09
2014

Profumo di Storia e Innovazione in Olanda, Ester Oddo si racconta


Più di un anno fa, leggendo un quotidiano online lessi dell’iniziativa che annualmente la Fondazione Euromediterranea Luigi Umberto Tregua - Quotidiano di Sicilia - assegna alcune borse di studio per corsi di formazione post-universitaria a giovani laureati siciliani meritevoli.
 
Quasi incredula di una così bella iniziativa raccolsi tutti i documenti necessari per inoltrare la richiesta e incrociando le dita inviai tutto quanto. La risposta giunse del tutto inaspettata in un momento in cui stavo esattamente progettando una vacanza studio in Olanda.
 
Euforica per questa piacevolissima notizia pensai immediatamente due cose: avevo trovato il mezzo per trasformare in realtà il mio progetto e finalmente i sacrifici affrontati per lo studio sino ad allora mi avevano concesso quella grande opportunità. Parlai immediatamente del mio progetto formativo con la Dott.ssa Patrizia Penna, che ha sempre curato la comunicazione tra me e il Comitato Scientifico della Fondazione con grande disponibilità e cortesia. Fu Lei che chiamandomi al telefono mi disse che il mio progetto era stato valutato positivamente dalla commissione.
 
In quel momento ero al settimo cielo e mi sentivo già con un “piedino” in Olanda. Prenotai il mio corso, alloggio e volo per la meravigliosa cittadina di Utrecht, esattamente nel cuore dell’Olanda, e iniziai a sognare ad occhi aperti ponendomi tanti quesiti su come sarebbe stata quell’esperienza.
 
Il profumo di storia e innovazione ha inebriato la mia mente e il mio cuore, mi ha accompagnato in questa avvincente ed emozionante avventura in Olanda, all’insegna dello studio e dello scambio culturale.
 
Grazie alla borsa di studio, concessami dalla Fondazione ho avuto l’opportunità di prendere parte alla Summer School in “Art and Cultural Management” tenutasi presso l’Università delle Scienze Applicate di Utrecht dal 5 al 16 Agosto 2013. Due settimane, vissute intensamente, trascorse molto rapidamente, come una vigorosa brezza d’estate che passa rapidamente e lascia sulla pelle quella sensazione di frescura, concedendo alla mente di spaziare su quanto fatto sino ad oggi e sui progetti futuri. Un’esperienza che mi ha arricchito dal punto di vista professionale.
 
In due settimane le parole Marketing, Communication, Style of Leadership, Ethnographic Researches, Creative Business Modelling, Business Plan e Project management for creative teams, sono state le parole chiave che hanno stimolato nuove riflessioni e vivaci idee.
 
Gli aspetti più emozionanti di questa esperienza sono certamente stati l’interazione con miei colleghi di corso e coinquilini di camere adiacenti, provenienti dai paesi più disparati (Brasile, Turchia, Israele, Canada, Cina, Corea, Romania, Russia) così come le visite-studio presso alcune case di co-creazione per giovani imprenditori delle industrie culturali in Utrecht.
Ho avuto l’opportunità di dialogare e relazionarmi con giovani con un vissuto e una formazione differente dalla mia ma che come me erano tutti lì con precisi scopi.
 
Trapelava da ognuno di noi il desiderio di acquisire conoscenze da impiegare nel proprio settore lavorativo e di assaporare gli aspetti caratterizzanti della cultura Olandese e il fascino di Utrech.
Utrecht è una città davvero incantevole. Edifici moderni armoniosamente a fianco ad edifici storici costruiti sulle sponde del fiume Reno, che attraversa l’Olanda e fa di questa una terra affascinante con le sue infinite distese di verde in cui uomo, natura e progresso tecnologico sembrano convivere in piena armonia.
 
Posso con certezza affermare che questa è stata l’esperienza formativa più emozionante che io abbia mai vissuto e pertanto desidero ringraziare infinitamente la Fondazione. E allora ragazzi non perdete mai l’entusiamo! “ put as much of your efforts and do your best in your life”. I sogni spesso diventano realtà, basta crederci!Per me è stato così.


comments powered by Disqus
´╗┐