Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
West Coast di Agostino Laudani
il blog sulla Sicilia Occidentale


Giu
30
2009

Turismo mal gestito a Trapani


La provincia di Trapani custodisce risorse storico-artistiche di inestimabile valore. Ma in quanto a valorizzazione, le istituzioni locali che le hanno in cura lasciano molto a desiderare.

Basti pensare ai mosaici all’interno della chiesa di San Nicolò Regale, a Mazara del Vallo, recentemente oggetto di una nostra inchiesta e chiusi nella parte sottostante l’edificio con un enorme catenaccio arrugginito. Il tutto mentre il pavimento romano - risalente a un periodo databile tra il III e il V secolo dopo Cristo - si rovina giorno dopo giorno. Ovviamente senza che i turisti possano ammirarlo.


Aperto ai visitatori è invece il Parco archeologico di Selinunte, che fino a qualche mese fa presentava però numerosi disservizi evidenziati proprio in un’inchiesta pubblicata anch’essa sulle pagine del QdS. Lampioni divelti, pannelli informativi distrutti e impiegati incapaci di dialogare con gli stranieri non sono certo un biglietto da visita adeguato per un territorio che dovrebbe puntare tutto sul turismo.

Due esempi di ciò che accade in provincia. Purtroppo non gli unici di una gestione tutt’altro che impeccabile delle risorse locali.


I commenti dei lettori | Scrivi un commento

Inviato da B&B Trapani da Trapani il 01/09/2011 18:46
Capire dove investire
Purtroppo ancora non si ├Ę capito bene dove bisogna investire per poter creare un turismo
destagionalizzato, ma anche solo migliorare la qualità di quello stagionale.

comments powered by Disqus
´╗┐