Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
E-cologia di Antonio Casa
il blog sull'ambiente e il consumo


Nov
04
2010

Resais, il sogno di tutti noi


La gara per organizzare la 64.ma fiera campionaria è andata deserta, com'era prevedibile, e sulla storia della Fiera del Mediterraneo di Palermo scende la parola "fine". L'Ente, di pertinenza dell'assessorato regionale alle Attività produttive, andrà in liquidazione e i 34 dipendenti andranno ricollocati presso altri ambiti della Regione siciliana o, molto più probabilmente, saranno parcheggiati nella Resais, l'azienda che dal 1975 ha l'obiettivo di assorbire i lavoratori in esubero della Regione e delle partecipate.
 
I lavoratori vengono stipendiati per non fare nulla, in attesa della (pre) pensione o ricollocati in altre branche della Pubblica amministrazione, ma sempre a carico della "mamma" più dolce e affettuosa che ci sia: la Regione siciliana. E' essa, infatti, che paga l'assegno il 27 di ogni mese. Oggi sono 256 i "dipendenti "della Resais che grazie a una legge richiamata nella norma del ’99 sulla liquidazione degli enti economici, vanno in prepensionamento forti di appena 27 anni di contributi o 52 di età. Costano alla Regione 9 milioni all’anno. Forse tra dieci anni l'ultimo "dipendente" della Resais andrà in quiescenza.

Diciamo la verità. La Resais è il sogno nascosto di quasi tutti i dipendenti, regionali e non: essere pagati e non lavorare. W la Resais.
 


I commenti dei lettori | Scrivi un commento

Inviato da Riccardo Murana da Palermo il 12/09/2013 10:33
Resais
Egregio signore, sono un ex dipendente resais e le posso garantire che lei ha detto solo lo
00,001% della verità sui dipendenti resais non so lei di preciso che lavoro faccia ne conosco
la sua età ma se vuole posso darle tantissime informazioni utili riguardo noi ex dipendenti di
industrie siciliane che ormai non esistono più da tempo, se lei mi da un appuntamento la metto
al corrente di ciò che in Sicilia è stata la regione imprenditrice e ciò che noi lavoratori abbiamo
dovuto subire a scrivere non sono bravo e il racconto può essere parecchio lungo, pertanto le
chiederei di informarsi bene prima di dire qualsiasi cosa riguardo i lavoratori resais, una cosa
però posso dorgliela subito, ho visto morire tanti operai nel tempo che lavoravano con me, e
non sono morti di morte naturale, quindi la prego non dica sciocchezze perché la resais non è
stata voluta da noi, c'è stata imposta, cmq resto a sua disposizione per qualsiasi informazione
di suo interesse, ah! dimenticavo oggi io mi ritrovo senza "elemosina" e senza pensione.-

La saluto con grande affetto
Riccardo Murana

Inviato da irma da palermo il 01/12/2010 20:15
ma come si fa
Ma come si fa a parlare di cose che non si conoscono !!!???? O forse perchè si sono lette
da qualche parte ..è una vergogna offendere, senza sapere...! Sono dipendente Resais
dal 1999, ho sempre lavorato sicuramente piu' e meglio dei regionali, ricoprendo anche ruoli
di responsabilità.Vedi caro Antonio Casa, noi ci siamo formati presso i privati, dove non
era possibile essere lavativi come si fa alla Regione ed, adesso, te lo posso assicurare
ci distinguiamo a tutti i livelli, delle mansioni lavorative e quello che guadagnamo ce lo
sudiamo tutto !

comments powered by Disqus