Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Voci dai Palazzi di Lucia Russo
il blog sull'Assemblea regionale siciliana, il governo e la pubblica amministrazione


Ott
23
2012

Il brutto vizio di parlare sempre per gli altri


Il ministro Fornero dovrebbe sapere che i giovani accettano già qualsiasi tipo di lavoro, non c'è bisogno di consigliarlo ai ragazzi, perchè quelli volenterosi e che vogliono essere indipendenti dai propri genitori, già lo fanno.
 
Sono invece i figli di loro ministri che sono immuni dai lavori più umili, per loro solo posizioni di prestigio. E non solo i figli dei ministri, ma anche del presidente della Regione e dei deputati regionali.


I commenti dei lettori | Scrivi un commento

Inviato da Angela Carrubba da Catania il 24/10/2012 09:31
Meglio choosy che "asini"
Il ministro del lavoro ha sbagliato per due motivi: primo perché non è il caso che un ministro del lavoro dia
battute su questioni che riguardano il proprio lavoro; secondo perché parla di persone in maggioranza
laureate che hanno tutti i diritti di essere esigenti nelle proprie aspirazioni.
E poi, visto che il ministro è una professoressa, perché non ha usato una delle almeno dieci parole italiane
che con sfumature più appropriate potevano descrivere ció che ella intendeva?
È inutile anche i professori sono "asini" nella lingua italiana!
Meglio choosy che "asini" .

comments powered by Disqus