Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Isola Telematica di Benedetto Motisi
il blog sull'ICT e il Web siciliano


Nov
16
2011

Un ministero per il digitale?


Il governo Monti si sta insediando in questi giorni, dopo 3 anni e mezzo dell'ultimo Berlusconi.
 
Un governo, quello uscente, che oggettivamente poco o nulla ha fatto per promuovere quel settore digitale dell'ICT che, negli altri Paesi Europei, è uno dei cavalli di  battaglia per uscire dalla crisi economica, sia creando competenze e figure lavorative specie per i giovani, sia rilanciando con il marketing digitale tutti gli altri settori del tessuto economico-sociale di un Paese.
 
In Italia, invece, specie per la Sicilia, fortemente influenzata in questo campo sul digital divide, sono addirittura spariti gli N (il tesoretto è andato via via erodendosi) milioni destinati non a fortificare il settore, ma addirittura a dargli delle infrastrutture "serie" con la banda larga.
 
Ora, dalle parti de La Stampa, considerando la natura tecnica del governo Monti, hanno azzardato a un ministero per il digitale per dare finalmente giusto risalto a una delle più credibili ancore di salvezza economiche del Terzo Millennio.
 
E si scatena il dibattito: è meglio non politicizzare un settore dove gli addetti sono sempre più lontani dalla politica e più affini a una mentalità di business, oppure l'ipotetico ministero del digitale è un sostegno credibile alla crescita dell'ICT ?


comments powered by Disqus