Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Isola Telematica di Benedetto Motisi
il blog sull'ICT e il Web siciliano


Mag
11
2010

IT chiede: la Lince Lucida morde? con il prof.Cantaro dell'Istituto Majorana


Nuovo appuntamento per IT Chiede. Dopo esserci chiesti quale distribuzione Linux scegliere, questa volta abbiamo parlato della nuova release di Ubuntu, la distro più usata dall'utenza desktop. La parola (e il ruggito) al nostro "Virgilinux" e a Lucid Lynx.
 
1) Cosa cambia in generale con questa nuova release di Ubuntu? Che significa LTS?
 
Nella nuova versione, Ubuntu 10.04, la caratteristica che salta subito agli occhi è la velocità di apertura e di chiusura del sistema operativo. Siamo ormai vicini ai dieci secondi per l'apertura di Ubuntu e la chiusura è pressoché immediata. Inoltre troviamo nuovi temi e una nuova veste grafica più sofisticata ed elegante delle versioni precedenti. Anche il kernel 2.6.32 su cui si basa  è LTS.
 
LTS sta per long term support ossia supporto a lungo termine. In pratica la versione normale (desktop) sarà supportata per tre anni, mentre la versione server continuerà a essere aggiornata per ben 5 anni. Normalmente viene rilasciata una nuova versione di Ubuntu ogni sei mesi e le versioni non-LTS vengono supportate per 18 mesi. L'ultima LTS è stata Ubuntu 8.04.
 
Dopo avere chiarito il significato di LTS vorrei dirvi qualcosa sui  numeri che contraddistinguono la versione. Ogni versione di Ubuntu ha un numero di versione e un nome, di solito un animale immaginario. Per il numero basta sapere che la parte prima del punto è relativo all'anno del rilascio, mentre la parte dopo il punto si riferisce al mese. Ad esempio, 10.04 significa anno 2010 (10), mese di aprile (04) .
 
2) Perché dovrei aggiornare?
 
Di sicuro se abbiamo una precedente versione di Ubuntu che funziona benissimo potremmo anche fare a meno di aggiornare ogni sei mesi.  Ma nel caso di Lucid Lynx, forse è il caso di provarla e se tutto va bene (riconoscimento hardware), magari installarla. I motivi sono contenuti nella risposta precedente, ovvero per l'elevata velocità di lancio e perché si tratta di una LTS. Inoltre la 10.04 presenta le ultime versioni di OpenOffice e di Firefox (cosa che non sempre è avvenuta nel passato).
 
3) La classica domanda: conviene aggiornare o fare un'installazione da zero?
 
Ubuntu offre la possibilità di effettuare l'avanzamento di versione online, ossia permette di avere la 10.04, partendo dalla precedente versione 9.10, grazie a una semplice connessione a Internet. L'avanzamento di versione conserva tutto il software installato e i settaggi da noi operati in Ubuntu (personalizzazioni).  
 
Io preferisco la reinstallazione ex-novo. Infatti, scegliendo la reinstallazione scaricheremo e masterizzeremo la ISO e quindi avremo sempre una versione di Ubuntu in DVD da potere utilizzare in caso di necessità. Capita che l'avanzamento di versione possa non andare a buon fine. In questo caso si perdono capre e cavoli e poi l'avanzamento di versione non fa risparmiare tempo, anzi, spesso è più lungo rispetto ai tempi di download, masterizzazione e reinstallazione. In fondo sapendone un pochino si possono sempre recuperare tutte le personalizzazioni. 
 
4) Come funziona l'Ubuntu Software Center? Vero che ci sono migliaia di applicazioni a costo zero?
 
Ubuntu Software Center è la maniera più semplice e immediata per installare o disinstallare del software. La cosa è di una semplicità così disarmante, che quasi mi vergogno a dire come funziona.
 
Con un click del mouse si apre l'applicazione (Ubuntu Software Center) da cui possiamo scegliere le sezioni di software che ci interessano (Accessori, Audio e Video, Giochi, Grafica, ecc…) le quali ci propongono i programmi (pacchetti) disponibili.
 
In alternativa abbiamo anche la casella "Cerca": basta inserire un nome (o parte di esso). Individuato il programma possiamo avere ulteriori notizie sullo stesso oppure installarlo con un click sul bottone "Installa". Ovviamente se il software è installato possiamo disinstallarlo, sempre con un click su "Rimuovi."
 
Se scegliamo di installare un programma, Ubuntu in automatico effettua il download, l'installazione e la sistemazione al posto giusto dell’icona del programma che poi troveremo in "Applicazioni", nella cartella di pertinenza (Accessori, Audio e Video, Giochi, Grafica, ecc…). Vi sono migliaia di programmi pronto per essere installati, basta solo una connessione a Internet, ma se inseriamo altri repositories, allora troviamo ancora più software. 
 
5) Secondo te è meglio di Windows 7?
 
Vorrei non rispondere a questa domanda. Di motivi per passare a Linux e quindi ad Ubuntu ne ho citato ben 27. Ma ce ne sono anche altri. Di sicuro Ubuntu è velocissimo, libero, gratuito e non teme i virus. Solo questo basterebbe e avanzerebbe.
 
Però bisogna non essere GNU-lebani (ossia estremisti linuxiani). Di certo Windows ha maggiore disponibilità di driver. Non per merito di Windows ma solo perché i costruttori di hardware spesso realizzano i driver solo per Windows. I motivi? Non riporto i più schietti, mi limito a considerare solo il fatto che Windows è più diffuso. Altro motivo per tenersi Windows, magari in dual-boot con Ubuntu (insieme ma indipendenti. Si può entrare con l'uno o con l’altro secondo le necessità) è rappresentato dall'uso di software particolare che è stato realizzato esclusivamente per Windows.
 
Non che manchino programmi per Linux, ma se abbiamo un software realizzato specificatamente per la nostra azienda che gira sotto Windows, allora è meglio tenersi anche Windows.    
 
6) Se volessi usare i social network? E' sicuro? Come si vede Facebook?
 
Linux è più sicuro di Windows e quindi nessun problema a usare i social network quali Facebook e altri, anche perché si raggiungono con un browser (programma per navigare) e su Linux troviamo Firefox che è proverbialmente uno dei migliori.
 
Nessuno ci impedisce di installare Google Chrome o altro. In definitiva, non avremo nessuna differenza tra Windows e Linux se non quella che la navigazione con Linux è più sicura. 
 
7) Se volessi effettuare delle operazioni bancarie on-line avrei maggiore sicurezza?
 
Personalmente preferisco non effettuare movimento di denaro online. Come sapete il web è zeppo di malware, tra cui i più pericolosi per quanto concerne la riservatezza dei dati personali e dei codici segreti, sono gli spyware e soprattutto i keylogger (riescono a trasmettere tutto quanto digitato sulla tastiera, compresi i codici bancari).
 
Purtuttavia se proprio dobbiamo effettuare delle operazioni, il consiglio che posso dare è quello di utilizzare un CD o DVD di Linux (Ubuntu) in modalità Live. Basta lanciare il CD e avrete il sistema operativo funzionante e con la connessione.
 
Ovviamente avremo un sistema operativo perfettamente pulito e non potendosi scrivere su CD, ogni volta che lanceremo Ubuntu in modalità Live (ossia da CD o DVD senza installare nulla), avremo la certezza di non convivere con Spyware e Keylogger. Questo sistema viene consigliato dalle banche americane.
 
Ultimo consiglio per evitare brutte sorprese, è quello di non rispondere alle e-mail di banche che invitano a digitare i codici segreti. Anzi, cestinatele subito senza neppure aprirle. Lo stesso per le "Poste Italiane".
 
State attenti alle email anche se apparentemente della vostra banca. La vostra banca non chiederà mai e poi mai di digitare i codici segreti. Anche se l'email che ricevete ha un link che, apparentemente, vi manda al sito della vostra banca, potrebbe trattarsi di un sito perfettamente contraffatto. Controllate l'URL nella barra in alto ed in caso di dubbi, digitate voi stessi l'URL corretto della vostra banca. In caso di perplessità potete sempre telefonare in banca per informarvi.   
 
8) Stai già lavorando sulla versione  Plus Remix?
 
Ho già pubblicato tre versioni diverse. Due versioni complete di Ubuntu Plus-5 Remix Italiano, in DVD (32 bit e 64 bit),  oltre che la versione "FAI DA TE" che, grazie al kit-plus5 e a dettagliate istruzioni, permette di trasformare la versione ufficiale di Ubuntu 10.04 in Ubuntu Plus-5 Remix. Addirittura, la versione  “FAI DA TE”, è stata pubblicata qualche giorno prima dell'uscita della versione ufficiale.
 
La Plus-5, liberamente scaricabile, contiene molti arricchimenti alla versione ufficiale. Aggiunto Gimp che insieme con OpenOffice sono stati arricchiti con nuove funzionalità. Firefox è già settato con utili estensioni e segnalibri. Effetti 3D attivati. In particolare, in OpenOffice, troviamo la presenza di molti nuovi font, modelli (anche in italiano), clip-art, etc..
 
Tutto questo avviene senza spendere un euro, a Gela e in una scuola Pubblica, proprio quando la scuola italiana è tanto bistrattata e in particolare le scuole del Sud. 


comments powered by Disqus