Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
L'editoriale del Direttore di Carlo Alberto Tregua
 


Mag
25
2011

Appello ai politici ed ai dirigenti bravi


La Sicilia si prepara a una tornata di elezioni amministrative piccola ma probabilmente significativa. Siamo facili profeti nel prevedere un’astensione superiore alla tornata precedente perché si avverte nell’aria il distacco e il disgusto dei cittadini che si accorgono come il ceto politico e quello amministrativo siano autoreferenziali e si occupino dei loro problemi piuttosto che di quelli di tutti.
Questo distacco s’incrementa continuamente perché la gente non vede nella classe politica un cambiamento di rotta deciso, consistente nella messa in moto di un piano di opere pubbliche per finanziare le quali sono pronte le risorse europee, statali e regionali, liberate dalla spesa corrente.
La gente non vede una Regione snella, moderna, digitalizzata, pronta a recepire per via informatica tutte le istanze d’imprese e cittadini cui dar riscontro per la stessa via in tempi europei e non biblici.
La gente non vede assessori e dirigenti generali che assumono responsabilità per prendere decisioni, anche impopolari, nella direzione di tagliare la spesa corrente ed investire in attività produttive ed apertura dei cantieri.

Non c’è un’altra strada. Il ceto politico e quello burocratico regionale devono invertire il loro modo di funzionare, darsi strumenti organizzativi essenziali - primo fra i quali il Piano aziendale - tagliare sprechi, sperperi, spese inutili e privilegi e rendere i servizi richiesti rapidamente.
Il ceto politico, cioè il legislatore, deve procedere all’elaborazione di disegni di legge che abbiano nell’interesse generale il fulcro e la loro ragion d’essere. Non è possibile che si facciano leggi tortuose, nascoste, illeggibili, apposta per dare potere ai sacerdoti i quali sono gli unici che le possono interpretare.
L’ottimo assessore Pier Carmelo Russo mi diceva qualche giorno fa che disegni di legge o emendamenti che facciano riferimento a norme precedenti, citando commi e articoli, non saranno da lui presi in considerazione. Ci siamo trovati perfettamente d’accordo anche perché la Costituzione impone che le leggi dello Stato e delle Regioni siano leggibili da tutti, perfino dagli analfabeti. Questo è un principio di trasparenza dal quale non si può prescindere.
 
Chiunque nasconda il vero senso dei testi legislativi, vìola la Costituzione, ma soprattutto deride i cittadini ai quali indirizza il disprezzo per la loro incapacità di leggere, dimenticando che scrivere le leggi in modo tortuoso è un difetto e non un pregio.
Per fortuna fra i politici siciliani e fra i dirigenti generali della Regione ve ne sono molti che hanno il decoro del rispetto dei valori, che sono onesti e capaci e che vogliono lavorare nell’interesse dei siciliani. A loro rivolgiamo il nostro appello affinché, indipendentemente dal partito cui appartengono e indipendentemente dalla parte politica che li ha nominati  (nel caso dei dg), si comportino seguendo un codice etico che viene prima di ogni altra cosa.
Il codice etico impone di servire i siciliani nella loro globalità e di emarginare quella parte di siciliani che hanno un carattere delinquenziale, che poggiano le loro azioni sulla corruzione, sulle malversazioni e sulle connivenze criminali.

Noi conosciamo bene tantissimi dirigenti regionali che sono venuti ai nostri forum, tanti assessori regionali e la gran parte dei deputati. Possiamo dire quindi, con cognizione di causa, che esiste questa parte di persone per bene. Rinnoviamo ancora l’appello affinché essi vogliano battersi per fare prevalere il buon senso e con esso il valore dell’equità, che deve guidare l’azione di chi assume responsabilità istituzionali.
L’equità impone che la spesa sia effettuata a fronte di sostanziali servizi, secondo i principi di economicità, efficacia, imparzialità, trasparenza, adeguata pubblicità, non discriminazione, parità di trattamento, mutuo riconoscimento, proporzionalità.
Per la terza volta rinnoviamo l’appello in queste note ai bravi politici e ai bravi dirigenti, che abbiano la forza morale di mettere fuori causa i loro colleghi che, nella corruzione morale e materiale, poggiano la loro attività scorretta. Li invitiamo a comunicare all’opinione pubblica in un clima di grande trasparenza quanto loro fanno per condurre in porto questa battaglia morale che viene prima di ogni altra di natura politica,  economica e sociale.


comments powered by Disqus