Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app
 
Pirandellog di Diomede
il blog su libri, tendenze letterarie e dintorni


Lug
26
2011

Londra tra le Fiamme di Joe Lansdale


Londra tra le fiamme è uno di quei libri che inizi a leggere e ti stacchi dalle pagine o perché devi prendere la fermata del bus o perché hai finito. Intendiamoci, Joe Lansdale non ha alcuna (per fortuna) velleità oltre a quella di divertire il suo pubblico di lettori. E il bello è che ci riesce appieno.

Contrastanti le opionioni sul libro a iniziare dalla trama fortemente weird: una foca con un cervello umano impiantanto in testa e sorretto da un fez, incontra uno squattrinatissimo e sboccato Mark Twain e un distinto ma sovrappeso Verne, che fra l’altro è a sua volta amico del geniale H.G. Wells, non solo autore di libri di avventura bellissimi, ma anche inventore delle sue stesse ideazioni.

Londra tra le fiamme ha scatenato i pareri della critica di nicchia, non avendo avuto la (s)fortuna di finire fra i titoli mainstream. Dove sicuramente non sarebbe stato inteso come divertimento da gran parte del pubblico, considerati i temi forti trattati, così come nel precedessore “Fuoco nella Polvere”.

Londra tra le fiamme fa concordare su di un punto: è forse eccessivamente diretto e per questo più breve rispetto a un normale romanzo.



comments powered by Disqus